EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Grecia: il governo incontra i partiti e si prepara a inviare nuovo piano, tagli da 12 mld

Grecia: il governo incontra i partiti e si prepara a inviare nuovo piano, tagli da 12 mld
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ore cruciali per la Grecia e per il suo governo, che in serata dovrebbe inviare il suo piano ai creditori. Si parla di un progetto con tagli di

PUBBLICITÀ

Ore cruciali per la Grecia e per il suo governo, che in serata dovrebbe inviare il suo piano ai creditori. Si parla di un progetto con tagli di spesa per circa 12 miliardi, due in più rispetto al precedente, ma al momento non si sa come siano distribuiti. Quello che è certo è che il premier cerca di allargare la base di consenso:

“Sono momenti cruciali ed è necessario dare un’informazione corretta a tutti i partiti, in modo che non ci siano incomprensioni”, ha detto Alexis Tsipras durante un incontro con il leader del partito To Potami, o “Il fiume”, attualmente all’opposizione. Tsipras incontra in queste ore anche gli altri leader.

“Dobbiamo raggiungere un accordo prima di domenica, domenica sarà già troppo tardi, dovremmo trovare l’accordo già per venerdì mattina”, ha suggerito Stavros Theodorakis durante l’incontro.

Su quello che dovrebbe essere scritto nell’accordo è tornata ad esprimersi Christine Lagarde, che dirige il Fondo Monetario Internazionale, in questa fase la più defilata tra le componenti dell’ex troika (la Grecia al momento sembra aver difficoltà soprattutto con l’Eurogruppo, vale a dire con alcuni Paesi membri).

“Abbiamo sempre suggerito di dare due gambe a un programma – ha detto la direttrice dell’FMI -: una dovrebbe essere rappresentata da riforme significative e dal consolidamento fiscale, e l’altra da una ristrutturazione del debito, che riteniamo sia necessaria nel caso della Grecia per rendere quel debito sostenibile”.

Quello che sin da ora non è sostenibile in Grecia è la carenza di liquidità: il governo ha prorogato fino a lunedì la chiusura delle banche, restano le file agli sportelli automatici per prelevare un massimo di 60 euro al giorno, ma l’associazione bancaria dice che ci sarà liquidità solo fino a lunedì, in assenza di interventi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Vertice Brics, Russia: "Aiutare Atene non è in agenda"

Grecia: economia bloccata, non gira denaro

Grecia: le opinioni dei passanti in Europa