EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Guerra a Gaza: raid israeliano contro una scuola Unrwa, decine di morti e feriti

Edifici distrutti nella Striscia di Gaza
Edifici distrutti nella Striscia di Gaza Diritti d'autore AP Photo/Abdel Kareem Hana
Diritti d'autore AP Photo/Abdel Kareem Hana
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Decine di persone sono morte dopo che le forze israeliane hanno bombardato una scuola dell'agenzia Onu per i rifugiati nel campo di Nurseirat. Secondo l'Unicef il 90 per cento dei bambini nella Striscia vive in grave povertà

PUBBLICITÀ

Le forze israeliane hanno bombardato nella notte tra mercoledì e giovedì una scuola dell'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (Unrwa) nel campo di Nuseirat, nel centro della Striscia di Gaza, uccidendo almeno 37 palestinesi sfollati e ferendone altre decine.

Giovedì mattina l'ospedale dei martiri di Al Aqsa, nella vicina città di Deir al Balah, ha riferito di aver ricevuto i corpi di 37 vittime.

L'agenzia di stampa palestinese Wafa, riporta l'emittente panaraba Al Jazeera, ha dichiarato che migliaia di sfollati palestinesi avevano trovato rifugio nella scuola al-Sardi del campo di Nuseirat, collegata all'Unrwa.

Ismail al-Thawabta, portavoce dell'Ufficio governativo dei media di Gaza, ha dichiarato che “un numero enorme di morti e feriti” stavano arrivando all'ospedale Al-Aqsa, nel centro della Striscia di Gaza. Hamas ha condannato l'attacco all'alba di giovedì come un “orribile massacro” e ha detto che molte donne e bambini erano tra le persone uccise e ferite. L'Idf sostiene invece che "diversi terroristi sono stati uccisi" nel "complesso in cui operavano terroristi di Hamas e della Jihad islamica che avevano partecipato all'attacco del 7 ottobre".

Unicef: a Gaza 9 bambini su dieci in grave povertà

Mesi di ostilità nella Striscia di Gaza hanno portato al collasso il sistema alimentare e i sistemi sanitari e hanno avuto un impatto catastrofico su bambini e famiglie. Le operazioni militari hanno distrutto terreni agricoli, hanno fatto morire di fame il bestiame e hanno decimato la flotta di pescherecci e le strutture di lavorazione del pescato. Lo riporta l'Unicef nel suo ultimo rapporto sulla povertà nel mondo.

In combinazione con le severe restrizioni all'importazione di beni commerciali e forniture umanitarie nella Striscia di Gaza, la guerra ha privato centinaia di migliaia di persone del cibo acqua e carburante di cui hanno bisogno. A marzo 2024, l'intera popolazione della Striscia di Gaza stava sperimentando livelli di insicurezza alimentare acuta, con metà della popolazione che potrebbe ritrovarsi in carestia entro luglio.

Da dicembre 2023 all'aprile 2024, cinque cicli di raccolta dati hanno rilevato che circa nove bambini su dieci vivono in condizioni di grave povertà alimentare, vale a dire sopravvivono con diete che comprendono due o meno gruppi di alimenti al giorno. Nel 2020 solo il 13 per cento dei dei bambini della Striscia di Gaza viveva in condizioni di grave povertà alimentare.

Media sauditi: Hamas respinge accordo sul cessate il fuoco

Secondo media sauditi, ripresi dal Times of Israel, Hamas avrebbe respinto l'accordo per il cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi israeliani a Gaza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, ucciso un soldato italo-israeliano in un attacco di Hezbollah al confine con il Libano

Guerra Gaza, Usa vogliono il sì di Israele e Hamas sul cessate il fuoco: morti nella Striscia

Gaza, Israele conferma la morte di altri quattro ostaggi