Viaggio lungo la frontiera chiusa tra Finlandia e Russia

Viaggio lungo la frontiera chiusa tra Finlandia e Russia
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il governo finlandese ha chiuso gli otto valichi di frontiera che condivide con la Russia almeno fino a metà aprile, per motivi di "sicurezza nazionale". Per le ong questa misura mette in pericolo la vita di centinaia di richiedenti asilo

PUBBLICITÀ

Lo scorso autunno il governo finlandese ha chiuso tutti gli otto valichi di frontiera con la Russia, lungo un confine di quasi 1.400 chilometri. Il confine rimarrà chiuso almeno fino a metà aprile. Le autorità finlandesi hanno addotto motivi di "sicurezza nazionale". Le ong denunciano però che la misura mette a rischio la vita di centinaia di richiedenti asilo. Il nostro corrispondente Julián López si è recato nel cuore dell'area interessata per raccogliere testimonianze e vari punti di vista.

Le autorità finlandesi accusano la Russia di far arrivare al confine migranti clandestini e di assisterli con denaro, cibo, alloggio o trasporto, in quello che definiscono un "attacco ibrido" contro la Finlandia, recente membro della Nato che si è opposta con forza all'invasione russa dell'Ucraina.

La Russia nega le accuse. La Finlandia sostiene che circa 500 migranti illegali hanno attraversato il suo confine orientale nel mese di novembre: nei mesi precedenti la media era stata di circa 30 persone. Il governo finlandese ha definito questi arrivi "una seria minaccia alla sicurezza nazionale e all'ordine pubblico".

Molti di questi immigrati clandestini sono ora ospitati nel villaggio di Joutseno, mentre le loro richieste di asilo vengono esaminate. Il centro di accoglienza per richiedenti asilo si trova ad appena 10 chilometri in linea d'aria dal confine russo. Al momento vi risiedono circa un centinaio di persone. Le autorità non ci hanno permesso di accedere alla struttura, né sono state disposte a concederci interviste. Alcuni residenti, però, hanno accettato di condividere le loro storie. 

Nabil è marocchino. Ci ha detto che "la politica e l'esercito russo ci hanno aiutato. È un bene per noi, è facile venire qui". I richiedenti asilo non possono essere espulsi mentre le loro richieste vengono analizzate. Questo può richiedere fino a due anni. Non sembra che siano stati segnalati respingimenti verso la Russia.

Abbiamo anche visitato la sede della Guardia di Frontiera finlandese a Helsinki. Marek Saareks, assistente del capo dipartimento, ha dichiarato che le frontiere marittime e aeree del paese rimangono aperte, ma che per quanto riguarda il confine terrestre con la Russia, la Finlandia ha poche opzioni: "Abbiamo informazioni sul fatto che nell'area della città di San Pietroburgo ci sono migliaia di persone che potrebbero arrivare in Finlandia utilizzando questa via", ha dichiarato.

Le ong finlandesi hanno criticato la misura. Pargol Miraftab, consulente legale di Amnesty Finlandia, ci ha detto che "i diritti umani appartengono a ogni singola persona. E il governo ha il dovere di rispettare questi diritti". Un'associazione di cittadini con la doppia cittadinanza finlandese-russa ha addirittura intrapreso un'azione legale. Tuttavia recenti sondaggi mostrano che l'80% dei finlandesi è d'accordo con la chiusura del confine.

Alcuni sostengono che se non si agisce, in due anni arriverebbero qui un milione di immigrati clandestini. Sebbene non faccia parte del programma di governo e sia stata provocata da motivi diversi, la chiusura sembra ad alcuni osservatori un altro passo verso un inasprimento della politica migratoria della Finlandia. 

Il governo, una coalizione guidata dai conservatori e dall'estrema destra, ha presentato piani per dimezzare le quote dei richiedenti asilo e limitare la loro protezione, limitare i ricongiungimenti familiari e noleggiare voli di rimpatrio condivisi con altri paesi nordici.

I negoziati sono in corso e non sono ancora state adottate nuove leggi specifiche, ma gli osservatori concordano sul fatto che, come altri paesi europei, il paese si sta orientando verso un nuovo paradigma sull'immigrazione, con grande disappunto delle ong.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cinque cose da sapere sul nuovo presidente finlandese Alex Stubb

La Finlandia prolunga la chiusura delle frontiere con la Russia fino ad aprile: accuse a Mosca

Finlandia, Alexander Stubb vince le elezioni: è il primo presidente in era Nato