EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

I Democratici statunitensi in Europa si preparano ad affrontare Trump

Una donna mostra un manifesto mentre partecipa a una manifestazione dei Democratici all'estero a Berlino, 2020.
Una donna mostra un manifesto mentre partecipa a una manifestazione dei Democratici all'estero a Berlino, 2020. Diritti d'autore AP Photo/Markus Schreiber
Diritti d'autore AP Photo/Markus Schreiber
Di Andrew Naughtie
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'ex presidente potrebbe conquistare la nomination repubblicana. I suoi oppositori in Europa si preparano ad affrontarlo alle urne.

PUBBLICITÀ

Donald Trump è di nuovo in corsa per la nomination repubblicana, e sembra avere buone possibilità di vincere di nuovo le primarie. Nel campo opposto, invece, molti democratici sono preoccupati per la posizione di Joe Biden. Il rischio per i Democratici è che, in assenza di primarie realmente competitive, Biden fatichi a convincere i simpatizzanti durante la presidenziale.

Al contrario, Trump ha avviato la sua campagna di rielezione da più di un anno. Questa disparità di tempo tra i candidati e l'entusiasmo dei loro elettori fa temere a molti democratici che, a partire dall'estate, si troveranno a giocare in difesa nel tentativo di rieleggere un presidente i cui indici di gradimento rimangono particolarmente bassi. Una parte importante della lotta consiste nel convincere anche all'estero.

La consolidata sede all'estero del partito, Democrats Abroad, ha sedi in più di 100 Paesi. Centinaia di migliaia di elettori statunitensi che vivono all'estero possono votare sia alle primarie che alle elezioni generali e, in queste ultime, le loro schede contano a livello statale, il che significa che possono avere un peso decisivo.

In base ai sondaggi attuali, molti Stati sono in bilico e si giocheranno a poche manciate di voti.

Per il momento, il Partito Democratico ha un'organizzazione più avanzata e complessa al di fuori degli Stati Uniti rispetto al Partito Repubblicano. Secondo Angela Fobbs, portavoce di Democrats Abroad in Germania, c'è "un mondo di differenza" tra il modo in cui i due principali partiti statunitensi affrontano le campagne all'estero.

Mentre l'equivalente repubblicano è un comitato di azione politica che fa essenzialmente campagna da solo, Democrats Abroad è una componente a tutti gli effetti del Partito Democratico, il che significa che il suo legame con i membri è sostanzialmente più profondo.

"La nostra organizzazione è stata creata per rappresentare gli americani all'estero", ha dichiarato in un'intervista a Euronews, "e per aiutarli in caso di problemi, come il fatto che dobbiamo pagare le tasse dall'estero, che alcune persone non possono ottenere prestazioni pensionistiche come Medicare o Social Security.

"Possiamo effettivamente collaborare con i membri del Congresso per aiutare i nostri membri a risolvere i loro problemi", spiega Fobbs, "il che fa un'enorme differenza".

Joe Biden and Donald Trump.
Joe Biden and Donald Trump.Andrew Harnik/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Ma non è solo la forza organizzativa a dare un vantaggio ai Democratici d'oltremare: sono le implicazioni che una seconda presidenza Trump avrebbe sia per gli americani all'estero che per le loro famiglie a casa.

Come ha spiegato Fobbs, una delle preoccupazioni più gravi per Trump è il suo consolidato disprezzo per la NATO e gli obblighi militari degli Stati Uniti in Europa.

La nostra organizzazione è stata creata per rappresentare gli americani all'estero e per aiutarli in caso di problemi.
Angela Fobbs
Democrats Abroad Germania

"La Germania ospita la più grande comunità militare americana al di fuori degli Stati Uniti, a Ramstein", spiega l'autrice, "e quindi qui in Germania si pongono alcuni problemi specifici. Uno di questi è che, onestamente, l'ultima volta che hanno avuto il controllo totale del governo, i repubblicani hanno considerato a lungo la possibilità chiudere le basi militari qui in Germania".

Questo non solo influirebbe sulla vita di questi membri del servizio e delle loro famiglie, ma anche sulla sicurezza europea nel suo complesso.

Il governo tedesco, uno dei più importanti sostenitori dell'Ucraina nella sua lotta contro la Russia, ha lavorato a piani di emergenza per un'eventuale guerra tra la Russia e la NATO che scoppierebbe nei prossimi due anni.

Questi piani si basano sulla possibilità che la NATO possa dispiegare rapidamente centinaia di migliaia di truppe in risposta a un'escalation russa - e se gli Stati Uniti dovessero iniziare a ritirare le proprie truppe dall'Europa, il conseguente calo delle risorse della NATO potrebbe offrire alla Russia un importante vantaggio.

A volte le persone non sono necessariamente consapevoli di quante persone vivono al di fuori degli Stati Uniti e del fatto che siamo ancora cittadini statunitensi.
Angela Fobbs
Democrats Abroad Germania

Per massimizzare il loro potenziale impatto sulle elezioni, i Democratici devono dunque far capire agli americani di tutto il mondo che il loro voto conta ancora. E anche dopo il dramma delle ultime due elezioni, c'è ancora molto lavoro da fare per assicurarsi che votino.

"A volte le persone non sono necessariamente consapevoli di quante persone vivono al di fuori degli Stati Uniti e del fatto che siamo ancora cittadini statunitensi", dice Fobbs. "Mi è capitato che qualcuno mi chiedesse: 'Oh, sono ancora un cittadino statunitense? Perché ho vissuto fuori dagli Stati Uniti'. E la risposta è sì! E mi preoccupo ancora di ciò che accade negli Stati Uniti, non solo per le questioni politiche, ma anche perché la mia famiglia è lì".

"Quindi la gente è un po' più consapevole della nostra esistenza e del fatto che siamo una vera e propria circoscrizione elettorale per il governo degli Stati Uniti".

Per Fobbs, come per molti altri negli Stati Uniti e non solo, una seconda amministrazione Trump è di per sé una prospettiva profondamente spaventosa.  Secondo Fobbs, il pericolo rappresentato da un secondo mandato del Tycoon avrebbe conseguenze pesanti ben oltre i confini statunitensi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Primarie repubblicane, netta affermazione di Trump nell'Iowa

Aziende di Trump accusate di aver ricevuto 7,8 milioni di dollari da Paesi stranieri

Il presidente USA Joe Biden attacca Donald Trump: "È una minaccia per la democrazia"