EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Euroviews. Ecco i cambiamenti di cui Israele ha bisogno

Un manifestante sventola la bandiera di Israele durante una manifestazione a Bellevue, WA, ottobre 2023
Un manifestante sventola la bandiera di Israele durante una manifestazione a Bellevue, WA, ottobre 2023 Diritti d'autore AP Photo/Euronews
Diritti d'autore AP Photo/Euronews
Di Erel Margalit
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non rappresentano in alcun modo la posizione editoriale di Euronews.
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

VIEW | Per vincere, Israele non può limitarsi a combattere, ma deve anche concentrarsi su un ripensamento regionale e un desiderio condiviso di vita, prosperità, sviluppo creativo e un futuro migliore, scrive Erel Margalit.

PUBBLICITÀ

Il massacro commesso da Hamas il 7 ottobre ha cambiato in modo profondo i piani degli israeliani.

L'attacco terroristico contro comunità di civili per lo più non protetti ha mandato in frantumi il contratto sociale non scritto tra lo Stato e i suoi cittadini, un contratto in base al quale i cittadini servono nelle forze armate e, a loro volta, noi, e in particolare quelli tra noi che costruiscono le loro vite vicino alle linee nemiche, siamo difesi dall'apparato di sicurezza del Paese.

Questo contratto è crollato con quell'attacco terroristico senza precedenti, che rappresenta il più grande fallimento dell'intelligence e della sicurezza sin dalla creazione dello Stato.

Per recuperare ciò che è stato perso, Israele deve ora avviare un urgente cambiamento di paradigma su più fronti: sicurezza, diplomazia ed economia.

Sul fronte della sicurezza, le devastanti conseguenze dell'assalto durato poche ore hanno messo fine alla dottrina del contenimento sostenuta per molti anni, secondo la quale Israele può placare il vicino territorio controllato dal terrorismo contribuendo a trasferirvi le finanze, sperando che vengano utilizzate per costruire l'economia gazanese e pregando che gli attacchi missilistici indiscriminati contro le città israeliane siano minimi.

L'azione contro Hamas non è solo un atto di autodifesa

Nel corso degli anni, Hamas ha raccolto 2,5 miliardi di dollari (2,27 miliardi di euro) all'anno a Gaza, con finanziamenti che passano attraverso l'Iran, il Qatar e una rete di ONG a livello mondiale.

La maggior parte di questo denaro è destinato a finanziare le vite di lusso dei principali leader di Hamas, a costruire tunnel sotto le città di Gaza, a rafforzare l'infrastruttura del terrore nel territorio e ad acquistare armi e munizioni.

Questo apparato è stato puntato contro i civili israeliani il 7 ottobre, con conseguenze catastrofiche.

Deve essere chiaro che la coesistenza con un gruppo terroristico è impossibile e che Hamas deve essere combattuto e sconfitto, proprio come le potenze occidentali hanno combattuto e sconfitto il cosiddetto Stato Islamico e gli Stati Uniti hanno combattuto e sconfitto Al-Qaeda prima di allora.
Mourners attend the funeral of the Kotz family of five killed by Hamas militants in Gan Yavne, 17 October 2023
Mourners attend the funeral of the Kotz family of five killed by Hamas militants in Gan Yavne, 17 October 2023AP Photo/Ohad Zwigenberg

Deve essere chiaro che la coesistenza con un gruppo terroristico è impossibile e che Hamas deve essere combattuto e sconfitto, proprio come le potenze occidentali hanno combattuto e sconfitto il cosiddetto Stato Islamico e gli Stati Uniti hanno combattuto e sconfitto Al-Qaeda prima di allora.

Israele ha il dovere di sradicare Hamas e gli altri gruppi terroristici palestinesi, che rappresentano una minaccia per la sicurezza del suo popolo.

I cittadini di tutta la società israeliana non tollereranno più il pericolo rappresentato dalla visione del terrore di Hamas e i soldati di Israele combatteranno questa guerra fino alla fine.

L'azione decisiva di Israele contro Hamas non è solo un atto di autodifesa; è una presa di posizione contro il terrorismo che minaccia la pace e la sicurezza globale.

Ma la guerra da sola non è una politica. Un'abile diplomazia deve essere al centro di qualsiasi strategia vincente.

Gli alleati moderati, compresi i palestinesi, vorrebbero un Medio Oriente diverso

In effetti, facendo leva sui legami diplomatici e sugli accordi economici con i principali Stati arabi moderati, come gli Emirati Arabi Uniti, il Marocco, il Bahrein, l'Egitto, la Giordania e l'Arabia Saudita, Israele deve elaborare una strategia di uscita dalla guerra che promuova ampi sforzi di ricostruzione a Gaza, insieme a forti incentivi allo sviluppo economico per i palestinesi.

L'azione decisiva di Israele contro Hamas non è solo un atto di autodifesa; è una presa di posizione contro il terrorismo che minaccia la pace e la sicurezza globale.
Ma la guerra da sola non è una politica.

Al momento, tuttavia, sembra che i piani di Israele per il dopo-guerra siano tristemente sottosviluppati.

PUBBLICITÀ

Gli alleati regionali moderati, compresi i palestinesi, vorrebbero vedere un Medio Oriente diverso, trasformato, e dovrebbero essere coinvolti come partner per trovare una soluzione che ponga fine al conflitto, insieme a Stati Uniti, NATO, Europa e Regno Unito.

US Secretary of State Antony Blinken talks with Bahrain's Foreign Minister Abdullatif bin Rashid al-Zayani as he arrives in Manama, 13 October 2023
US Secretary of State Antony Blinken talks with Bahrain's Foreign Minister Abdullatif bin Rashid al-Zayani as he arrives in Manama, 13 October 2023AP Photo/Jacquelyn Martin

Questo tipo di alleanza strategica non solo rafforzerebbe la sicurezza di Israele, ma getterebbe anche le basi per un fronte unito contro le ideologie estremiste che affliggono la nostra regione.

Un riallineamento del Medio Oriente dovrà includere elementi di cooperazione e partnership esistenti tra Israele e gli alleati arabi in settori come la tecnologia agricola, la tecnologia idrica, la sicurezza informatica e la sanità.

Se lo faremo, Gaza potrebbe un giorno essere un luogo dove scuole, ospedali e luoghi di culto saranno liberi dai tunnel del terrore e dai terroristi di Hamas, dove la gente potrebbe svolgere lavori di qualità e avere la possibilità di una vita migliore, coesistendo con Israele.

PUBBLICITÀ

L'Autorità palestinese è l'unico partner in grado di amministrare Gaza

In particolare, le parti interessate dovrebbero collaborare per aumentare il sostegno all'eventuale guida di Gaza da parte dell'Autorità Palestinese, che ricostruirebbe l'enclave palestinese e traccerebbe un nuovo corso per la Striscia e la regione.

I palestinesi moderati di Gerusalemme e della Cisgiordania, con i quali noi e le nostre società lavoriamo da anni come colleghi, amici e partner, sono i nostri alleati per un futuro di pace e coesistenza.

Israeli PM Yitzhak Rabin and Palestinian leader Yasser Arafat shake hands marking the signing of the peace accord in Washington, September 1993
Israeli PM Yitzhak Rabin and Palestinian leader Yasser Arafat shake hands marking the signing of the peace accord in Washington, September 1993AP Photo/Ron Edmonds

Affinché ciò avvenga a Gaza, l'Autorità Palestinese dovrà essere riformata per riconquistare la fiducia del popolo palestinese e israeliano, nonché della comunità internazionale.

Deve liberarsi della corruzione paralizzante che i suoi leader hanno lasciato prosperare e denunciare una volta per tutte qualsiasi sostegno al terrorismo.

PUBBLICITÀ

Ma dobbiamo anche riconoscere che l'Autorità palestinese è stata un partner fondamentale per la sicurezza di Israele, aiutando a combattere gli estremisti per circa tre decenni. È l'unico partner in grado di amministrare Gaza.

La vittoria di Israele sta nel desiderio comune di un futuro migliore

Sul fronte economico, Israele deve immaginare una trasformazione delle sue comunità e sfruttare le partnership esistenti e i programmi sviluppati dal suo solido ecosistema tecnologico per attirare talenti, promuovere la creazione di posti di lavoro e costruire istituzioni inclusive. L'innovazione è in definitiva la chiave per un futuro collettivo.

Promuovendo lo sviluppo economico locale e regionale, Israele ha il potenziale per creare nuove opportunità in vari settori, da quello professionale e dell'istruzione a quello militare, dell'alta tecnologia e del territorio, inaugurando una nuova era.

La vittoria per Israele non è solo sul campo di battaglia, ma passa anche attraverso un ripensamento regionale e un desiderio condiviso di vita, prosperità, sviluppo creativo e un futuro migliore.

PUBBLICITÀ

Il dopoguerra sarà l'occasione per Israele di ripensare Gaza e il Medio Oriente nel suo complesso.

Erel Margalit è un ex membro della Knesset, investitore israeliano di alta tecnologia e imprenditore sociale. È fondatore e presidente esecutivo della società di venture capital Jerusalem Venture Partners, con sede a Gerusalemme, e di Margalit Startup City, una raccolta internazionale di hub socio-economici tematici.

A Euronews crediamo che tutte le opinioni siano importanti. Contattateci all'indirizzo view@euronews.com per inviare proposte o contributi e far parte del dibattito.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, al volante di un'auto investe e ferisce quattro militari dell'Idf

Israele approva la più grande confisca di terre in Cisgiordania degli ultimi 30 anni

Israele: attacco con coltello in un centro commerciale in Galilea, due morti compreso attentatore