EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Sparatoria a Praga, Kozak aveva già ucciso un padre e la figlia neonata nella foresta di Klanovice

Fiori e candele all'esterno dell'Università di Praga all'indomani della sparatoria
Fiori e candele all'esterno dell'Università di Praga all'indomani della sparatoria Diritti d'autore MICHAL CIZEK/AFP or licensors
Diritti d'autore MICHAL CIZEK/AFP or licensors
Di Stefania De Michele
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Repubblica Ceca, il governo ha dichiarato sabato una giornata di lutto nazionale in ricordo delle vittime della sparatoria all'Università di Praga

PUBBLICITÀ

La Repubblica Ceca fa i conti con la più drammatica sparatoria di massa nella storia del Paese. Emergono sempre più dettagli che descrivono il contesto nel quale la strage è stata portata a termine.

Le prove balistiche hanno confermato che l'autore del duplice omicidio di una neonata di due mesi e del padre di 32 anni, commesso la scorsa settimana nella foresta di Klanovice, a est di Praga, è David Kozak, lo studente di 24 anni che ha ucciso giovedì 14 persone all'università Carlo.

Lo ha dichiarato la polizia alla tv ct24. "La perizia balistica ha dimostrato la corrispondenza dell'arma usata nella foresta di Klanovice con l'arma trovata nella casa in cui viveva il tiratore dell'università", a Hostoun, a trenta chilometri dalla capitale.

La reazione delle istituzioni

Leader politici, studenti, amici delle vittime e altri cittadini si sono riuniti per accendere candele e piangere le 14 vittime, in una veglia improvvisata presso la sede dell'università di Praga

La rettrice dell'Università Carlo, Milena Kralickova, ha acceso una candela in mezzo alla folla: "La comunità accademica è scossa, profondamente scossa" ha detto.

Il ministro dell'Interno ceco Vit Rakusan ha dichiarato che la polizia di Praga ha lavorato tutta la notte e che tutti i 14 morti nell'attacco di giovedì (tra cui tre stranieri, due provenienti dagli Emirati Arabi Uniti e uno dai Paesi Bassi) sono stati identificati. 

L'Istituto di Scienze Musicali ha confermato che il suo direttore, Lenka Hlávková, era tra i morti.

Biden, Macron, Meloni: la vicinanza dei leader internazionali

"Nulla può giustificare questo atto orribile", ha dichiarato il primo ministro ceco Petr Fiala, esprimendo le sue condoglianze alle famiglie in lutto.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha espresso il suo cordoglio, denunciando una sparatoria "senza senso".
Si legge nel suo tweet: "Il mio cuore è con coloro che hanno perso la vita nell'insensata sparatoria di Praga, con i feriti e con il popolo ceco. Le nostre autorità sono in contatto con le forze dell'ordine ceche e, se necessario, siamo pronti a offrire ulteriore sostegno".

Il presidente francese Emmanuel Macron, il capo dell'Ue Ursula von der Leyen e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky hanno manifestato la loro vicinanza alla Repubblica Ceca.

Dalla premier Giorgia Meloni cordoglio e ferma condanna di ogni forma di violenza.

Secondo le autorità, non c'è alcun legame tra la sparatoria e il "terrorismo internazionale" e lo studente ha agito da solo.

Rafforzata la sicurezza in scuole e istituti pubblici

L'autore della carneficina, avvenuta nei locali dell'Università Carlo, era uno studente della facoltà d'Arte dell'ateneo, ha dichiarato il capo della polizia di Praga Martin Vondrasek:David Kozak, 24 anni, ceco, che poco prima della strage aveva ucciso il padre nell'area di Kladno a una trentina di chilometri dalla capitale. 

Petr Matejcek, direttore della sede regionale della polizia di Praga, ha dichiarato che l'uomo armato si è ucciso sul balcone dell'edificio universitario quando gli agenti di polizia si sono avvicinati. 

La polizia ha dichiarato venerdì di aver aumentato la sicurezza nelle scuole e in altri "obiettivi sensibili" - di solito strutture pubbliche difficili da proteggere - come misura preventiva. I rettori delle università hanno anche detto che lavoreranno con gli esperti della polizia su ulteriori misure preventive per aumentare la sicurezza nei campus.

Il governo ceco ha dichiarato sabato una giornata di lutto nazionale per onorare le vittime.

La precedente sparatoria di massa dal bilancio più pesante nella Repubblica Ceca risale al 2015: nella città sudorientale di Uhersky Brod, un uomo aveva ucciso otto persone prima di spararsi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Finlandia, dodicenne spara in una scuola vicino a Helsinki: un morto e due feriti gravi

Sparatoria all'università di Praga: 14 persone uccise, suicida l'attentatore

Sudan, almeno 104 morti nell'attacco delle Rsf al villaggio di Wad al-Noura