Onu: rischio carestia a Gaza e nessun ospedale attivo nel nord, l'Italia cura 35 feriti

Un'unità di artiglieria mobile israeliana spara un proiettile dal sud di Israele verso la Striscia di Gaza, in una posizione vicina al confine con Gaza (21 dicembre)
Un'unità di artiglieria mobile israeliana spara un proiettile dal sud di Israele verso la Striscia di Gaza, in una posizione vicina al confine con Gaza (21 dicembre) Diritti d'autore Ohad Zwigenberg/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Razzi su Tel Aviv giovedì mentre i leader di Hamas sono in Egitto per discutere di una tregua. L'Onu cerca ancora una risoluzione al Consiglio di Sicurezza. Isolato dall'esercito israeliano il nord della Striscia

PUBBLICITÀ

È stata una giornata di bombardamenti intensi e di combattimenti tra Israele e Hamas a Gaza, in particolare nella parte nord della Striscia, tra deboli speranze di una nuova tregua umanitaria e l'avvertimento dell'Onu del rischio di una carestia.

L'esercito israeliano sostiene di aver colpito 230 obiettivi e di avere individuato depositi di armi e altre gallerie sotterranee a Jabalia. Testimoni parlano di una zona completamente isolata e sotto il tiro dei cecchini

La Mezzaluna Rossa palestinese denuncia di non potere accedere con le ambulanze nell'area più settentrionale della Striscia, dove è in corso anche un black out delle   comunicazioni. 

Secondo l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), l'unico ospedale ancora attivo nell'area ha smesso di operare due giorni fa.

Nuovi razzi di Hamas su Tel Aviv

Le sirene anti-aeree sono suonate giovedì nella capitale commerciale d'Israele, a causa di razzi intercettati dai sistemi di difesa o esplosi senza causare vittime.

L'ala militare di Hamas ha dichiarato di aver sparato in risposta all'uccisione di civili da parte dell'esercito israeliano che, secondo le autorità sanitarie palestinesi, sono la maggioranza degli oltre 20mila morti a Gaza dall'inizio del conflitto (ottomila i minorenni).

Negoziati in corso per un cessate il fuoco

Il leader di Hamas, Ismail Haniyeh, e rappresentanti del Movimento per il Jihad Islamico sono in Egitto per discutere le condizioni di una nuova tregua. 

Il gruppo armato palestinese avrebbe rifiutato una prima bozza d'intesa, che prevedeva sette giorni di pausa umanitaria in cambio del rilascio di quaranta ostaggi, puntando a un accordo di tregua permanente.

"La scelta per Hamas è questa: resa o morte"  ha dichiarato il premier israeliano Benyamin Netanyahuin un video su X

La sospensione dei combattimenti potrebbe servire a liberare altri degli oltre cento ostaggi ancora trattenuti dai miliziani palestinesi a Gaza e a incrementare gli aiuti umanitari alla popolazione.

Proprio al valico di Kerem Shalom tra Israele e la Striscia, aperto di recenti a camion di aiuti alimentari e medici, quattro lavoratori sono stati uccisi giovedì da un bombardamento aereo israeliano.  

Ovunque andiamo la gente chiede cibo, anche in ospedale
Sean Casey
Coordinatore delle squadre mediche di emergenza dell'Oms

I timori di una carestia e gli sforzi dell'Onu

Secondo le Nazioni Unite oltre 570 mila persone nella Striscia "stanno soffrendo la fame" a causa del conflitto in corso.

"Abbiamo a che fare con persone che muoiono di fame, adulti e bambini. Ed è insopportabile" ha denunciato Sean Casey, coordinatore delle squadre mediche di emergenza dell'Oms.

Il Programma Alimentare Mondiale ha avvertito che c'è il rischio di una carestia, se non viene ripristinato l'accesso al cibo, all'acqua potabile e ai servizi sanitari e igienici.

Una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, proposta dagli Emirati arabi uniti, è in discussione da inizio settimana a causa di divergenze tra gli Stati Uniti e gli altri membri dell'assemblea sul testo della bozza e sul sistema di controllo degli aiuti che entrano a Gaza.

Il portavoce del consiglio per la sicurezza nazionale John Kirby ha affermato che gli Stati Uniti "non fanno trattative in pubblico, ma stanno lavorando attivamente" a una possibile risoluzione all'Onu.

L'Italia, che non è in questo momento un membro del Consiglio di sicurezza, ha inviato giorni fa in Egitto la nave ospedale Vulcano, dove sono stati curati finora 35 pazienti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scontento per la risoluzione a Gaza, Guterres: "Cessate il fuoco umanitario necessario"

Manifestazioni pro-Palestina in tutta Europa per chiedere il cessate il fuoco a Gaza

Israele: fine settimana di proteste contro Netanyahu, chieste nuove elezioni