Indonesia, sale a 22 il numero delle vittime dell'eruzione del Monte Marapi

La nuvola di fumo che si è alzata dopo l'eruzione del Monte Merapi
La nuvola di fumo che si è alzata dopo l'eruzione del Monte Merapi Diritti d'autore Foto: Captura de pantalla de vídeo AFP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Salgono a 22 le vittime dopo l'eruzione del vulcano Monte Marapi sull'isola di Giava, in Indonesia. Ancora disperso uno scalatore

PUBBLICITÀ

Si aggrava il bilancio delle vittime dopo l'eruzione del Monte Merapi, sull'isola indonesiana di Giava, di domenica 3 dicembre: recuperati oggi altri nove corpi per un totale di 22 vittime - lunedì ne erano stati recuperati tre, tutti escursionisti sul luogo per scalare il monte. 

Ancora disperso uno scalatore, "con ogni probabilità deceduto anche lui perchè molto vicino al luogo dell'eruzione", ha dichiarato all'Associated Press Edi Mardianto, vice capo della polizia della provincia est di Sumatra. 

L'evento ha dato vita ad una colonna di cenere alta circa 3.000 metri – i cui detriti sono presto ricaduti su tutti i villaggi situati ad est del monte. Le autorità hanno emesso un'allerta di livello 3 (su un massimo di 4) con divieto di avvicinamento entro un raggio di 3 km.

Il Marapi è alto 2.891 metri ed è uno tra i 130 vulcani attivi presenti nell'arcipelago indonesiano: è il vulcano più attivo di Sumatra e il suo nome significa letteralmente “montagna di fuoco”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Indonesia, almeno 11 escursionisti morti e 12 dispersi nell'eruzione del Monte Merapi

Islanda, attesa grande eruzione sulla punta sud-occidentale dell’isola

L'Etna è il vulcano più attivo d'Europa. È possibile visitarlo durante un'eruzione?