EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

In fiamme auto parroco nel Foggiano, ipotesi attentato

Indagini in corso, a don Claudio attestati di solidarietà
Indagini in corso, a don Claudio attestati di solidarietà
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 03 DIC - Una Ford Eco Sport, di proprietà di don Claudio Barboni parroco della chiesa beata Maria Vergine del Rosario di Carapelle nel Foggiano è stata distrutta dalle fiamme la scorsa notte mentre era parcheggiata in vico Capua davanti alla canonica. Sulla natuta dell'incendio sono in corso accertamenti anche se viene data per probabile l'origine dolosa tanto che il parroco è sato raggiunto da molti attestati di solidarietà. Ad accorgersi delle fiamme è stato lo stesso parroco. "Erano le due di notte - racconta don Claudio - quando ho visto le fiamme dalla finestra. Sono sceso in strada e c'erano già carabinieri e vigili del fuoco che hanno spento le fiamme". La zona è sprovvista di telecamere di sorveglianza. "Mi è giunta la vicinanza e solidarietà dell'intera comunità, dal vescovo, monsignor Fabio Ciollaro, al sindaco, Umberto Di Michele". "Carapelle vive un momento molto complesso - ha detto ancora - Si è ostaggi di questo terrore, dai furti di auto, agli incendi alle rapine, la situazione è davvero complessa. Siamo ad un punto di non ritorno". Don Claudio è parroco da sette anni della chiesa del Rosario ed è anche parroco di San Giuseppe nello stesso comune. "Ci troviamo di fronte a problemi radicati nel tempo e proprio quanto accaduto potrebbe rappresentare un punto di svolta per provare a cambiare le cose", ha concluso. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico