EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

La Commissione sorpresa dalle riforme ucraine

Image
Image Diritti d'autore AP Photo/Efrem Lukatsky
Diritti d'autore AP Photo/Efrem Lukatsky
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"State cambiando il paese nel mezzo di una guerra", ha deto la presidente della Commissione

PUBBLICITÀ

La Commissione europea è "impressionata" dalle riforme apportate dall'Ucraina nel suo cammino verso l'Unione, ha detto l'Ursula Von Der Leyen , che sabato è arrivata a Kiev senza preavviso per motivi di sicurezza.

La presidente della CE ha promesso alla Rada, il Parlamento ucraino, di testimoniare su questi progressi la prossima settimana, quando la Commissione presenterà un rapporto sull'Ucraina. Questo documento dovrebbe essere pronto entro l'8 novembre.

UVDL ha menzionato specificamente i successi nella riforma del sistema giudiziario, nel contenimento degli oligarchi e nella lotta al riciclaggio di denaro. E, cosa ancora più impressionante, tutto ciò viene fatto nel corso di una guerra.

A sua volta, il presidente Zelensky ha promesso di non fermarsi sul percorso delle riforme dopo aver attuato le sette raccomandazioni emesse dalla Commissione.

In particolare von der Leyen ha parlato di "ottimi progressi" nelle riforme necessarie per sbloccare un pacchetto aggiuntivo di 50 miliardi di euro fino al 2027. Il giorno prima (venerdì), il governo ucraino ha consegnato alla Commissione un piano di tali riforme.

La propaganda del Cremlino cerca di correre ai ripari in vista delle nuove sanzioni europee

Il presidente della Commissione Ue ha rivelato anche alcuni dettagli del 12° pacchetto di sanzioni contro la Russia. Il documento sarà pubblicato la prossima settimana e includerà sanzioni personali contro circa 100 persone, maggiori limitazioni all’importazione/esportazione, un’azione più dura sul tetto del prezzo del petrolio e una maggiore pressione sugli attori che aiutano la Russia ad aggirare i pacchetti precedenti.

In questo contestola von der Leyen ha menzionato i 200 miliardi di euro di beni russi immobilizzati in Europa. I proventi si accumulano ogni giorno e, secondo l’UVDL, questi profitti dovrebbero essere destinati alla ricostruzione dell’Ucraina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La presidente del Parlamento Ue Roberta Metsola a Kiev: "insieme per proteggere Europa e Ucraina"

Russia, novemila minori evacuati dalla regione di confine di Belgorod a causa degli attacchi ucraini

Ucraina: manifestazioni nelle città europee per i due anni dall'inizio della guerra