EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Austria guarda al Regno Unito per l'esternalizzazione delle domande di asilo

Il ministro dell'Interno britannico Suella Braverman e il ministro dell'Interno austriaco, Vienna, 2 novembre 2023
Il ministro dell'Interno britannico Suella Braverman e il ministro dell'Interno austriaco, Vienna, 2 novembre 2023 Diritti d'autore British Government
Diritti d'autore British Government
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il governo conservatore britannico ha da tempo in mente di esaminare le richieste di asilo in Ruanda, ma i tribunali hanno dichiarato illegale tale progetto

PUBBLICITÀ

Il governo britannico e quello austriaco hanno sottoscritto un nuovo accordo per una più stretta collaborazione nella lotta all'immigrazione, mentre Vienna sta cercando di istituire un sistema "in stile Ruanda" per l'esame delle richieste di asilo.

Parlando nella capitale austriaca, la ministra dell'Interno britannica, Suella Braverman, ha dichiarato che Regno Unito e Austria "condividono le sfide per proteggere i nostri confini, sconfiggere l'estremismo e tenere al sicuro i nostri cittadini".

Secondo un piano simile a quello del Ruanda, l'Austria vuole processare i richiedenti asilo in un Paese terzo, prima di decidere se farli venire o meno in Europa.

Il cancelliere Karl Nehammer sta affrontando le elezioni dell'anno prossimo in mezzo a crescenti richieste di inasprimento dell'immigrazione e a settembre ha dichiarato che il trattamento in un Paese terzo è una possibilità, per garantire che i richiedenti asilo falliti "non possano più nascondersi nell'Ue o fare domanda di asilo in diversi Paesi europei allo stesso tempo".

L'anno scorso, il governo danese ha aperto la strada a un accordo con il Ruanda per un programma simile, ma dopo le elezioni generali il governo non ha portato avanti il piano.

Il governo conservatore del Regno Unito nutre da tempo l'ambizione di esternalizzare le richieste di asilo al Ruanda ed è stato il primo Paese europeo a stringere un accordo per pagare alla Nazione africana più di 140 milioni di euro all'anno per accogliere i richiedenti asilo.

In base a questo accordo, chiunque ottenga l'asilo continuerà a vivere in Ruanda, mentre coloro che vengono respinti saranno deportati nel loro Paese d'origine.

A giugno di quest'anno, la Corte d'Appello del Regno Unito ha dichiarato illegittimo il piano, stabilendo che il Ruanda non poteva essere considerato un Paese terzo sicuro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Duro colpo per Rishi Sunak: il piano migranti è "illegale"

Regno Unito, Starmer vuole ricostruire le relazioni con l'Unione europea

Wimbledon: Alcaraz batte Djokovic, Kate Middleton consegna il premio