Gaza: uccisa una delle menti dei pogrom di Hamas

Image
Image Diritti d'autore AFP
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si intensificano le operazioni di cielo, terra e mare contro Hamas. Ballerine le cifre, ma è indubbio che a Gaza ci siano molte vittime civili

PUBBLICITÀ

Tsahal avrebbe ucciso Abu Rakaba, una delle menti dell'attacco contro Israele del 7 ottobre scorso.  Intanto si intensificano le operazioni di terra nella Striscia con fanteria e veicoli blindati, sostenuti da attacchi massicci dall'aria e dal mare, compreso il bombardamento dei tunnel di Hamas, un obiettivo chiave nella sua campagna per eliminare l'organizzazione terrorista.

Israele ha anche interrotto le comunicazioni a Gaza, creando un blackout di informazioni dall'enclave assediata e tagliando fuori dal mondo esterno i 2,3 milioni di abitanti del territorio.

Incerte le cifre da parte palestinese. Sarebbero almeno 7300 i morti. A Gaza la comunicazione è controllata da Hamas e non ci sono possibilità di sincerarsi della veridicità delle cifre, considerate però abbastanza affidabili dai media internazionali, dall'Onu e dalle organizzazioni umanitarie. La sovrappopolazione della striscia, unita al fatto che alla popolazione civile è impedito lasciare la Striscia, fa presagire che le vittime siano molte. Se a questo si unisce il fatto che la popolazione di Gaza è molto giovane ecco che il rischio che fra le vittime ci siano molti bambini aumenta in modo drammatico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ancora poche informazioni da Gaza isolata, continuano i bombardamenti e le operazioni di terra

Israele: fine settimana di proteste contro Netanyahu, chieste nuove elezioni

Gaza, 21 soldati israeliani uccisi in un'esplosione a Maghazi