Ungheria, il ministro degli Esteri a Minsk: "Continueremo a collaborare con la Russia per l'energia"

Image
Image Diritti d'autore John Minchillo/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Péter Szijjártó ha detto che è necessario adottare un approccio "pragmatico" e separare la politica dalla realtà "fisica"

PUBBLICITÀ

Durante un vertice sulla sicurezza eurasiatica a Minsk, il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó ha dichiarato che il suo Paese continuerà a collaborare con la Russia su questioni energetiche, nonostante le mosse dell'Unione europea per porre fine alla sua dipendenza dal petrolio e dal gas russo. 

Szijjártó ha motivato la scelta di Budapest dicendo che, per il bene del Paese, è necessario adottare un approccio "pragmatico" e separare la politica dalla realtà "fisica". 

"Da dove acquisti energia non ha nulla a che fare con la politica e non è una dichiarazione politica. Questa è una questione di realtà fisica. E poiché l'obbligo e la responsabilità del governo ungherese è garantire la fornitura sicura di energia del Paese, e poiché questo è fisicamente escluso senza fonti russe, continueremo a collaborare in modo pragmatico con la Russia. Come molti altri fanno, ma non ne parlano", ha detto. 

Il ministro ha poi osservato che per decenni la competitività dell'Europa si è basata su una combinazione di "tecnologie occidentali e combustibili fossili orientali economici e accessibili", ora in disuso. 

L'Ungheria è ormai considerata il Paese più filo-russo del blocco europeo. Una posizione quasi ostentata pubblicamente dal primo ministro Viktor Orban, che in un recente vertice in Cina è stato visto avere colloqui amichevoli con il presidente russo Vladimir Putin.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria e Polonia bloccano (di nuovo) un vertice dell'Ue

Il paradosso dell'Ungheria: il governo Orbán apre alla manodopera straniera

Ungheria, il summit di Orban con 15 leader asiatici e dei Balcani