EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Greenpeace mette in dubbio l'indipendenza dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica a Zaporizhia

Greenpeace mette in dubbio l'indipendenza di AEIA a Zaporíjia
Greenpeace mette in dubbio l'indipendenza di AEIA a Zaporíjia Diritti d'autore AP/Russian Defense Ministry Press Service
Diritti d'autore AP/Russian Defense Ministry Press Service
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in portoghese

"L'Aiea è sotto l'autorità russa. Opera in una centrale nucleare e ha bisogno di un'autorizzazione. Se fossero critici molto probabilmente verrebbero espulsi. Quindi la domanda è: chi controlla chi?": Jan Vande Putte, Greenpeace

PUBBLICITÀ

Zaporizhia è la più grande centrale nucleare d'Europa e fin dal primo giorno dell'invasione russa dell'Ucraina è stata indicata come un punto strategico. La Russia, in poco più di una settimana, ha preso il controllo degli impianti centrale.

L'Agenzia internazionale per l'energia atomica continua ad avere la responsabilità di garantire il rispetto delle procedure di sicurezza e che l'impianto non venga utilizzato per scopi militari. L'organismo delle Nazioni unite ha già effettuato diverse ispezioni della centrale nucleare senza trovare motivi di preoccupazione, ma la sua indipendenza è stata ora messa in discussione da Greenpeace.

"Chi controlla chi? È l’Aiea che controlla l’occupazione russa o sono gli occupanti russi che controllano l’Aiea?
Jan Vande Putte
Greenpeace

Parlando ai microfoni di Euronews, Jan Vande Putte ricorda che l'Aiea ha bisogno dell'autorizzazione del Cremlino per accedere a Zaporizhia e che rischia di essere espulsa se assume una posizione critica.

L'ambientalista elogia la presenza degli ispettori sul posto, ma sottolinea che ci sono solo quattro persone a monitorare la più grande centrale nucleare d'Europa, quindi è impossibile effettuare un'ispezione adeguata. Ha detto che i rapporti dell'Aiea sono utilizzati dalla propaganda russa, il che rende queste ispezioni politicamente controproducenti.

Agli ispettori è stato negato l'accesso a varie parti dell'impianto. L'amministrazione di Zaporizhia ha spiegato le ragioni a Euronews:

"Siamo in contatto permanente con gli esperti dell'Aiea e cerchiamo di rispondere prontamente alle loro richieste. Su richiesta offriamo la possibilità di visitare alcune strutture dell'impianto. Gli esperti visitano regolarmente le strutture della centrale nucleare e hanno la possibilità di ispezionare le principali attrezzature, tra cui gli edifici di controllo dei reattori delle unità di potenza, la sala di controllo di emergenza, le stanze in cui si trovano gli armadi elettrici dei sistemi di sicurezza, le sale macchine, ecc.".

"Ci sono alcune restrizioni: riguardano la garanzia della sicurezza dei lavoratori dell'Aiea, tenendo conto delle possibili provocazioni da parte delle forze armate ucraine
Yevgeniya Yashina
Direttrice delle comunicazioni della Centrale nucleare di Zaporizhia

Le accuse di Greenpeace fanno seguito a un rapporto di McKenzie International che metteva in guardia da attività militari nella centrale nucleare.

Stuart Ray, analista dell'organizzazione, afferma che sono state raccolte prove del fatto che l'artiglieria russa ha usato l'impianto nucleare come scud****o e che l'equipaggiamento di artiglieria pesante è stato immagazzinato nelle aree residenziali intorno alla centrale e trasportato per effettuare gli attacchi.

Nonostante i limiti dei controlli, Olli Heinonen, ex ispettore dell'Aiea, ricorda i vantaggi di avere qualcuno sul posto:

"Sono sia osservatori che persone che possono trasmettere le loro scoperte al mondo esterno in tempo reale. Possono intervistare persone, parlare con i dirigenti, recarsi in vari luoghi. Sì, hanno alcune limitazioni nei loro spostamenti. Non possono essere ovunque. Ma è dieci volte meglio di alcune immagini satellitari che non permettono di vedere cosa succede sotto il tetto".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, il direttore dell'Aiea a Zaporizhzhia. Si cerca un accordo Mosca-Kiev sulla centrale

Bombardata la centrale di Zaporizhia

La piú grande centrale nucleare d'Europa e il contenimento del disastro