EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Schiacciata dai debiti, Birmingham avvia la procedura di fallimento

frame
frame Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Prima di Birmingham, avevano fatto ricorco alla procedura di bancarotta il quartiere londinese di Croydon e la cittadina di Thurrock. Si teme un effetto domino

PUBBLICITÀ

Il Consiglio comunale di Birmingham, la seconda maggiore città dell'Inghilterra e del Regno Unito con quasi tre milioni di abitanti, ha dichiarato lo stato di crisi finanziaria perché non è più in grado di far fronte ai debiti.

 Ha quindi avviato la procedura di bancarotta ammmettendo di non essere  in grado di pareggiare i conti quest'anno. In una dichiarazione, il consiglio comunale ha affermato di aver implementato 'rigorosi controlli sulla spesa a luglio' e ha sottolineato che l'aiuto del governo è un passo necessario nel percorso per riportare la citta sui binari di  solide basi finanziarie.

Gli  enti locali britannici non possono, per legge, andare in fallimento per ovviare a questo fanno appello alla cosiddetta Section 114  che avvia la bancarotta di fatto",

 Passo che innesca peraltro il divieto di procedere  a qualunque nuovo impegno di spesa e l'obbligo di definire un piano finanziario d'emergenza entro i prossimi 21 giorni.

Debiti e cittadini

L'amministrazione di Birmingham, stando ai media britannici, è la più grande amministrazione comunale europea ed è guidata dal partito laburista.

 Presidente e vice presidente della Giunta comunale, John Cotton e Sharon Thompson, hanno dichiarato di non essere in grado di appianare il debito in parte dovuto anche all'adeguamento degli stipendi dei dipendenti pubblici.

Il drammatico calo delle entrate e la diminuzione dei trasferimenti dal centro verso gli entilocali ha fatto il resto.

 Il mese scorso Birmingham ha annunciato di dover far fronte a un deficit di bilancio di 87,4 milioni di sterline per il 2023/24, che salirà a 164,8 milioni di sterline nel 2024/25. Secondo il think tank Institute for government, i finanziamenti governativi provenienti da Londra sono diminuiti del 40% in termini reali tra il 2009/2010, periodo segnato dall'ascesa al potere dei conservatori, e il 2019/2020, per poi aumentare nuovamente con spese eccezionali legate alla pandemia. Al tempo stesso in questo periodo di tempo gli inglesi hanno visto salire sensibilmente le loro tasse locali e la tendenza è continuata recentemente con l'aumento dei prezzi, aggravando la crisi del costo della vita. Prima di Birmingham, avevano fatto ricorco alla procedura di bancarotta il quartiere londinese di Croydon e la cittadina di Thurrock.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Panama Papers: assolti i 28 imputati, prove insufficienti

Austria, un'ereditiera critica verso il sistema fiscale vuole distribuire 25 milioni

Alla scoperta di Hong Kong, hub finanziario e culturale