Stupri a Caivano: nel Casertano uno stendardo dice no agli abusi

Affisso su Municipio,sarà portato in tutte le scuole della città
Affisso su Municipio,sarà portato in tutte le scuole della città
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) – NAPOLI, 30 AGO – Uno stendardo contro la violenza è
stato affisso dall’amministrazione comunale di Marcianise, in
provincia di Caserta, sulla facciata del municipio con scritto
a chiare lettere “Solo un piccolo uomo usa violenza sulle donne
per sentirsi grande: no alla violenza sulle donne”. A farsi
promotori dell’iniziativa – che giunge dopo gli stupri avvenuti
a Caivano, in provincia di Napoli e a Palermo – sono stati il
primo cittadino sindaco Antonio Trombetta, il commissario
Valerio Consoli e l’assessore Carmela Posillipo che ha tra le
sue deleghe annovera anche quella delle politiche della famiglia
e del contrasto alla violenza di genere. Il messaggio verrà anche portato dai consiglieri comunali in
ogni scuola di Marcianise in occasione del primo giorno di
scuola.
“Stavolta sono gli uomini che si dicono indignati di essere
associati a questi individui che di umano hanno ben poco”,
spiega l’assessore Posillipo secondo la quale, per annientare
questi crimini aberranti, “bisogna partire dall’educazione e
dare messaggi inequivocabili. I maschi dei nostri tempi dovranno
essere tutti dei galantuomini e dimostrarlo, anche cedendo il
passo a una donna che entra e usarle cortesia sono piccoli
messaggi che portano all’educazione e al rispetto verso il
gentil sesso”.
“Dopo gli episodi di Caivano e Palermo – conclude l’assessore
Posillipo – è chiaro che la società si sta mostrando sempre più
ammalata. Ci vuole un azione forte e a dire basta ormai …non
bastano solo le donne ma ci vogliono anche uomini, quelli veri,
nella battaglia contro la violenza di genere”. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Papa inaugura il Sinodo per una Chiesa misericordiosa

Le forze russe combattute tra contrattaccare e ripiegare

Scattano le indagini per le cause del disastro del bus a Mestre