EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Attracco: gli astronauti della Crew-7 sono arrivati sulla Stazione spaziale internazionale

I "Magnifici 11".
I "Magnifici 11". Diritti d'autore Human Spaceflight/X
Diritti d'autore Human Spaceflight/X
Di Cristiano TassinariAnsa - Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Successo per la missione di NASA e SpaceX: la navicella Dragon della missione Crew-7 si è agganciata alla Stazione spaziale internazionale. I quattro nuovi membri dell'equipaggio sono stati accolti dagli altri sette astronauti, in orbita già da mesi

PUBBLICITÀ

La capsula di SpaceX Crew Dragon Endurance si è agganciata alla Stazione Spaziale Internazionale

A bordo ci sono i quattro membri dell'equipaggio della missione Crew-7: al comando, l'americana Jasmin Moghbeli, della Nasa.
Il pilota è il danese Andreas Mogensen, dell'Agenzia Spaziale europea, destinato a diventare il prossimo comandante della ISS.
Gli altri due membri dell'equipaggio sono Satoshi Furukawa, dell'Agenzia spaziale giapponese Jaxa, e il cosmonauta Konstantin Borisov, dell'Agenzia spaziale russa Roscosmos. 

La manovra di attracco è stata lenta, finché la navicella non ha trovato la posizione corretta. Il viaggio al laboratorio orbitale, conclusosi domenica, è durato circa 30 ore. 

Una vera "squadra"

Gli astronauti della missione Crew-7 sono entrati nella Stazione Spaziale Internazionale e hanno incontrato i sette colleghi della Expedition 69, in orbita da sei mesi.
Adesso a bordo della ISS c'è nuovamente un equipaggio di 11 membri.
Fra questi: quattro americani, quattro russi, un danese, un giapponese e un astronauta degli Emirati Arabi.

Ad accogliere i nuovi "arrivati", c'era la squadra al completo: Stephen Bowen, Woody Hoburg e Frank Rubio, della Nasa, Sultan Al-Neyadi degli Emirati e i russi Sergey Prokopyev, Dmitri Peteline Andrey Fedyaev

Tutto "sold out" sulla Stazione Spaziale: sta succedendo sempre più spesso negli ultimi tempi, in cui si avvicendano equipaggi che arrivano con la navetta russa Soyuz ed equipaggi arrivano con le navette Crew Dragon di SpaceX, per conto della Nasa.

L'ultima volta era accaduto in maggio, con l'arrivo della missione privata Axiom 2, e prima ancora in marzo e nell'ottobre 2022.

"Continuiamo a lavorare insieme"

Americani, europei e russi continuano a viaggiare e a lavorare insieme nello spazio, come ha sottolineato durante la cerimonia di benvenuto il cosmonauta russo Konstantin Borisov. 

La Stazione Spaziale resterà affollata, però, solo per pochi giorni: dal 1° settembre, quattro degli astronauti della missione Crew-6 (Bowen, Hoburg, Al-Neyadi e Fedyaev)  torneranno sulla Terra.

Con gli astronauti della Crew-7 resteranno sulla ISS l'attuale comandante della Stazione Spaziale, il russo Prokopyev, con Petelin e Rubio.

I tre erano arrivati a bordo nel settembre 2022 con la Soyuz Ms22, nella quale in dicembre era stata rilevata una perdita al sistema di controllo termico. Di conseguenza, il 24 febbraio scorso l'agenzia spaziale russa Roscomos aveva inviato un'altra Soyuz, la Ms23, per consentire ai tre di rientrare a Terra in sicurezza.

Con l'arrivo del nuovo equipaggio è iniziata ufficialmente la nuova missione**"Huginn"**, chiamata come uno dei corvi di Odino: almeno 30 gli esperimenti scientifici in programma. 

Chi sono i quattro nuovi astronauti?

I genitori della comandante Jasmin Moghbeli, 40 anni, sono fuggiti dall'Iran durante la rivoluzione del 1979. Nata in Germania e cresciuta a Long Island, New York, si è arruolata nei Marines e ha pilotato elicotteri d'attacco in Afghanistan.
La "prima viaggiatrice nello spazio" spera di mostrare alle ragazze iraniane che anche loro possono puntare in alto. "Credere in se stesse è qualcosa di veramente potente", ha detto Jasmin Moghbeli prima del volo.

Andreas Mogensen, 46 anni, ha lavorato su piattaforme petrolifere al largo della costa africana occidentale, dopo aver conseguito una laurea in ingegneria. Alle persone perplesse dalla sua scelta lavorativa... spaziale ha detto che "in futuro avremo bisogno di trivellatori nello spazio", come il personaggio di Bruce Willis nel film "Armageddon". 
È convinto che la sua esperienza con le trivelle lo abbia portato a essere scelto come primo astronauta danese.

Satoshi Furukawa, 59 anni, ha lavorato un decennio addirittura come chirurgo, prima di essere selezionato come astronauta in Giappone.

Konstantin Borisov, 39 anni, un "debuttante" nello spazio, ha scelto l'ingegneria dopo aver studiato economia. Gestisce una scuola di apnea a Mosca e giudica questo sport, in cui i subacquei evitano le bombole di ossigeno e trattengono il respiro sott'acqua, una vera "palestra di vita".

Euronews racconta

Il primo astronauta arabo  a restare in orbita per un periodo prolungato.
Servizio del 2 marzo 2023

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rientrati sulla Terra quattro astronauti dopo sei mesi sulla Stazione Spaziale

Origine della vita nel sistema solare, la NASA analizzerà campioni di un asteroide

Valkyrie, primo robot umanoide della Nasa, è in fase di test in Australia