EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Spionaggio e la rete di intelligence russa in Europa

Lo spionaggio russo e bulgaro
Lo spionaggio russo e bulgaro Diritti d'autore Euronews Graphistes
Diritti d'autore Euronews Graphistes
Di David Mac DougallScott Reid
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Molti agenti dell'intelligence russa sono stati cacciati dalle ambasciate nelle capitali europee negli ultimi 18 mesi. Il Cremlino ha fatto ricorso ad altri metodi per mantenere in vita le proprie reti di spionaggio

PUBBLICITÀ

Una storia che assomiglia alla saga di James Bond, di Ian Fleming. Invece è accaduto realmente. 

Quando questa settimana tre cittadini bulgari sono stati incriminati, dalle autorità britanniche, con l'accusa di essere presunte spie al servizio della Russia e di Vladimir Putin, nell'ambito di “un’importante indagine sulla sicurezza nazionale” che ha portato ad almeno cinque arresti già lo scorso febbraio

All'apparenza, il ruolo dei bulgari sembravano quasi irrilevanti, ognuno con un background diverso, che poteva essere tracciato attraverso i loro profili sui social media.

Sul profilo LinkedIn, Orlin Roussev afferma di essere proprietario di un'azienda che si occupa di intelligence dei segnali, che comprende l'intercettazione di comunicazioni o segnali elettronici. Dichiara inoltre che, all'inizio della sua carriera, è stato consulente del Ministero dell'Energia bulgaro.

Katrin Ivanova afferma, sempre su LinkedIn, di lavorare come assistente di laboratorio per un'azienda sanitaria privata, mentre la BBC riporta che Bizer Dzhambazov si definisce autista per ospedali. 

I primi due gestiscono un'organizzazione comunitaria che fornisce servizi ai bulgari che vivono nel Regno Unito e, secondo la BBC, si occupano anche di familiarizzare con la "cultura e le norme della società britannica".

Cosa ci dicono questi profili sul tipo di lavoro di spionaggio che i bulgari potrebbero aver svolto? Per prima cosa dobbiamo esaminare lo stato delle operazioni di raccolta di informazioni da parte della Russia.

Canva
FILE: Image of man in car covertly taking photographsCanva

Che tipo di spie gestisce Mosca?

Le reti di spionaggio russe in Europa - e nel mondo - rientrano in quattro categorie principali:

  • Spie russe che lavorano presso le ambasciate straniere fingendosi diplomatici;
  • Funzionari o politici che Mosca è riuscita a trasformare e che vengono pagati per fornire informazioni;
  • agenti russi sotto copertura, noti come "clandestini", che conducono una vita apparentemente normale (di solito non dichiarano apertamente di essere russi), magari gestendo un'attività commerciale con le loro famiglie, e mantenendo la loro copertura a volte per decenni;
  • cellule spia dormienti, come quella dei bulgari, smascherati a Londra, la cui missione è aspettare e osservare, creare contatti e possibilmente cercare di accedere a persone che potrebbero diventare obiettivi di spionaggio.

Queste "presunte o tali spie" erano tradizionalmente gestite dal GRU, il servizio di intelligence estero della Russia, mentre l'FSB era il servizio di spionaggio interno, ma questi ruoli sono cambiati.

"Il sistema russo è tale che a volte si confondono le competenze, o addirittura vengono amplificate, in modo che le due agenzie [GRU e FSB] possano controllarsi anche a vicenda", spiega Ryhor Nizhnikau, esperto di Russia presso il Finnish Institue of International Affairs, FIIA, descrivendo due agenzie con missioni simili.

"L'FSB, ad esempio, ha un dipartimento esterno e il suo ruolo si è ampliato, così è responsabile delle operazioni in Ucraina, dove ora ha una presenza enorme. E il GRU si concentra sulle attività della Russia in Occidente", aggiunge.

Michael Sohn/AP
FILE: FILE - People walk past an entrance of the Russian embassy in Berlin, Germany, Friday, Sept. 4, 2020.Michael Sohn/AP

Il ruolo della ambasciate russe

Dopo l'invasione su larga scala dell'Ucraina nel febbraio 2022, centinaia di spie russe sono state dichiarate persona non grata e cacciate dalle loro ambasciate in Europa.

Ciò ha privato il Cremlino di un'infrastruttura cruciale di agenti che potessero controllare quelli sul posto o gestire le proprie operazioni di raccolta di informazioni.

"Molti diplomatici russi, e quindi molte spie, sono stati espulsi. Le loro risorse umane si sono ridotte enormemente", spiega Maxime Lebrun, vicedirettore del settore Ricerca e analisi del Centro europeo di eccellenza per il contrasto alle minacce ibride, Hybrid CoE, che riunisce a Helsinki esperti di 33 Paesi diversi e lavora a stretto contatto con l'Unione europea e la Nato. 

"Ora devono affidarsi a russi regolari all'estero, o magari a persone di altri Paesi come la Bulgaria, che possono essere costrette a parlare con qualcuno o a raccogliere informazioni dal loro posto di lavoro, **magari in un'azienda che si occupa di tecnologi**a", spiega Lebrun a Euronews.

Ryhor Nizhnikau conferma che la Russia aveva bisogno di "riempire il vuoto" di spie nelle sue ambasciate e "ha iniziato a sollecitare alcuni di questi agenti dormienti" per svolgere un lavoro che di solito sarebbe stato svolto da agenti dell'intelligence presso le missioni diplomatiche all'estero.

Che tipo di lavoro potrebbe fare un agente russo?

Ci sono stati numerosi esempi recenti di agenti russi colti in flagrante in Europa: da un "clandestino" sotto copertura che ha cercato di infiltrarsi nella Corte penale internazionale dell'Aia, a una guardia dell'ambasciata britannica a Berlino che è stata reclutata per****fare la spia per Mosca, e molti altri ancora.

In Norvegia, un colonnello del GRU si è finto uno studente di master brasiliano all'Università di Tromsø, dove era coinvolto in un gruppo di ricerca che collaborava con le agenzie governative norvegesi sulle minacce ibride legate alla regione artica, secondo il servizio di sicurezza norvegese PST.

PUBBLICITÀ

"L'aspetto dell'inganno è estremamente importante per descrivere questi individui casuali che si spacciano per studenti in modo da fare conoscenza con insegnanti o segretari che hanno ottenuto finanziamenti per un progetto di sicurezza", afferma Maxime Lebrun dell'Hybrid CoE.

"Abbiamo avuto alcuni casi non di spionaggio, ma più che altro di osservazione del lavoro di professori universitari chiave, che non sanno che il loro nuovo studente potrebbe essere un agente dell'FSB o del GRU", aggiunge Lebrun.

"Questo tipo di spionaggio casuale è molto difficile da individuare".

Canva
FILE: Man takes covert picture of coupleCanva

Un altro caso recente ha riguardato un'infiltrata russa che ha finto di essere peruviano e di possedere una gioielleria a Napoli, vicino al Comando delle forze congiunte alleate della Nato.

Nel corso di quasi un decennio, la donna è diventata amica di alti funzionari della Nato e ha persino avuto una relazione con uno di loro; è stata scoperta solo quando il suo numero di passaporto sequenziale è trapelato in Bielorussia, attirando l'attenzione degli investigatori del Belingcat.

PUBBLICITÀ

"È normale, nel senso che quando parliamo di alti funzionari del Regno Unito o dell'Alleanza Atlantica, a volte possono essere reclutati direttamente, possono diventare spie di paesi e organizzazioni", afferma l'esperto di Russia Ryhor Nizhnikau.

"Diventano una fonte di informazioni. Un agente può incontrare la moglie di un alto funzionario e quindi poi avvicinarsi a quest'ultimo, potrebbero volerci anni per riuscire a raggiungere l'obiettivo, e questa persona può inconsapevolmente diventare una risorsa dell'intelligence russa", dice a Euronews.

Gli agenti dormienti, spiega Nizhnikau, possono essere persone normali, insospettabili, come un amico di famiglia, "persone che non si direbbe mai che stanno lavorando per conto di un'operazione di intelligence straniera".

AP
FILE: A view of Lubyanskaya Square with the historical the Federal Security Service (FSB, Soviet KGB successor) building, left, in Moscow, Russia, Wednesday, July 12, 2023.AP

Perché i bulgari sarebbero buone spie per la Russia?

Per gli esperti che seguono il mondo dello spionaggio internazionale, non è una grande sorpresa che i bulgari possano essere coinvolti come agenti dormienti per il Cremlino.

"Un bulgaro potrebbe essere più disponibile a fare lavoro di spionaggio per conto della Russia rispetto a un britannico", afferma Maxime Lebrun dell'Hybrid CoE.

PUBBLICITÀ

Una volta reclutata, una nuova risorsa russa potrebbe ricevere denaro per trasferirsi in Gran Bretagna, per avviare un'attività e per condurre una vita normale - e forse non le verrà nemmeno chiesto di fare nulla all'inizio, se non di integrarsi nel nuovo paese.

Per Ryhor Nizhnikau c'è una spiegazione ancora più semplice per cui i bulgari potrebbero essere reclutati dalla Russia.

"I Paesi che facevano parte dell'ex blocco comunista sono una delle principali fonti di reclutamento dell'FSB e del GRU".

"Forse loro o i loro familiari sono stati reclutati durante il periodo comunista, o nei tempi dell'eredità post-comunista. In Bulgaria o in Romania, i russi hanno avuto molte opportunità e connessioni per molti anni", afferma.

"Queste nazioni sono un obiettivo più facile rispetto al reclutamento di un britannico o al potenziale invio di agenti russi".

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, abbattuti due droni nei pressi di Mosca

Russia: soldato statunitense condannato a tre anni per furto, aggressione e minacce di morte

Russia, sequestro di guardie in un carcere a Rostov: uccisi detenuti dell'Isis da forze speciali