EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Judo: Ulaanbaatar Grand Slam, strepitoso en plein del Giappone

The podium of the women -70 kg category.
The podium of the women -70 kg category. Diritti d'autore Emanuele Di Feliciantonio/IJF
Diritti d'autore Emanuele Di Feliciantonio/IJF
Di Redazione italiana
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Seconda giornata in terra mongola col monopolio assoluto di jodoka nipponici, che si accaparrano tutti e quattro gli ori di giornata

PUBBLICITÀ

Grand Slam di judo ad Ulan Bator, seconda giornata in terra mongola col monopolio assoluto di jodoka nipponici, che si accaparrano tutti e quattro gli ori di giornata.

La bellissima cerimonia di apertura è stata ricca di meravigliosi spettacoli che hanno messo in mostra la cultura tradizionale e fantastici artisti locali.

La segretaria generale dell'IJF, Lisa ALLAN, ha dichiarato aperta la competizione insieme al capo dello staff presidenziale mongolo, Yangug SODBAATAR.

Categoria donne -63 kg: sugli scudi la nipponica Nami NABEKURA, oro dopo il successo nella finalissima ai danni dell’ungherese Szofi OZBAS.

Terzo gradino del podio per l’israeliana Gili SHARIR e la slovena Andreja LESKI.

Consegna le medaglie Bat-Erdene BADMAANYAMBUU, ministro dello Sport mongolo.

"Sono così felice di avere fan in Mongolia - afferma la vincitrice - è stato davvero meraviglioso incontrare tutti i giovani fan qui e firmare autografi per loro".

IJF
Emanuele Di FeliciantonioIJF

Tra gli uomini -73 kg, su tutti il nipponico Ken OYOSHI, che sconfigge nell’atto conclusivo l’indipendente Danil LAVRENTEV.

Primo oro nel World Judo Tour per lui, festeggiato dall'allenatore ed attorniato da giovani tifosi.

Bronzo per l’atleta indipendente Ayub KHAZHALIEV ed il mongolo Erdenebayar BATZAYA.

Consegna le medaglie Yangug SODBAATAR, capo dello staff presidenziale mongolo.

"Sono così felice di aver attuato sul tatami la mia migliore prestazione qui in Mongolia - dice il vincitore - è stato fantastico mostrare il mio miglior judo ai giovani fan".

IJF
Emanuele Di FeliciantonioIJF

Tra le donne -70 kg, su tutte, manco a dirlo, la giapponese Shiho TANAKA, la quale sconfigge la croata Lara CVJETKO, argento.

Terzo gradino del podio per l’israeliana Maya GOSHENe l’atleta indipendente Madina TAIMAZOVA.

A consegnare le medaglie è Lisa ALLAN, segretaria generale della Federjudo internazionale.

IJF
Emanuele Di FeliciantonioIJF

Categoria uomini -81kg: a sbaragliare la concorrenza ci pensa il nipponico Kenya KOHARA, giustiziere in finale del coreano Joonhwan LEE con tecnica uchi-mata.

Terza piazza per l’atleta indipendente Alan KHUBETSOV ed il kazako Abylaikhan ZHUBANAZAR.

A consegnare le medaglie è Zundui TUMURTUMUU, vice governatore della città di Ulan Bator.

PUBBLICITÀ
IJF
Emanuele Di FeliciantonioIJF

Erdenebayar Batzaya è stato l'eroe di casa nel giorno di competizione, con una prestazione potente nel suo cammino verso la medaglia di bronzo nella categoria -73 kg.

Un modo fantastico per concludere la seconda giornata in terra mongola, domenica pesi massimi sul tatami per una chiusura roboante.

Risorse addizionali per questo articolo • Emanuele Di Feliciantonio

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Judo: Ulaanbaatar Grand Slam, secondo oro per la Mongolia

Judo, Ulaanbaatar Grand Slam 2023: due ori per il Giappone, uno per la Mongolia

Judo, il Giappone domina nell'ultimo giorno dei Campionati del mondo