EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Aumentano le condanne a morte: Cina e Iran i più pericolosi. La denuncia di Amnesty International

Manifestazione per la liberazione di una cittadina francese.
Manifestazione per la liberazione di una cittadina francese. Diritti d'autore THOMAS SAMSON/AFP or licensors
Diritti d'autore THOMAS SAMSON/AFP or licensors
Di Alberto De Filippis - Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Amnesty International e altre Ong che si battono contro la pena di morte criticano l'atteggiamento ritenuto troppo morbido dell'Unione europea e dei vari Paesi membri, che sembrano non fare il necessario per liberare i cittadini europei detenuti in Iran

“In Iran il rispetto del diritto internazionale conta poco”.
Raphael Chenuil
Presidente della ONG "Insieme contro la pena di morte"
PUBBLICITÀ

Mentre in Iran una quindicina di cittadini europei sono attualmente detenuti in carcere, Amnesty International è preoccupata per l'aumento delle condanne a morte. L'Iran è al secondo posto nel mondo, subito dopo la Cina.

 "Iran, molte più condanne a morte rispetto all'anno scorso"

Spiega Agnès Callamard, Segretario Generale di Amnesty International: 
“In questo momento abbiamo circa 575 persone giustiziate dall'Iran nel 2022, ma probabilmente non è il numero completo. Non affermeremo mai di avere il numero esatto per l'Iran, a causa della loro segretezza, della mancanza di trasparenza e così via. 
Nel 2023, ci sono già quasi 200 persone che sono state giustiziate dall'Iran, che è molto di più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso”.

Euronews
"I dati sulle condanne a morte in Iran sono sempre incompleti".Euronews

"In Iran vedono spie ovunque!"

Raphael Chenuil, presidente della ONG francese "Insieme contro la pena di morte" (ECPM):
“Ci sono gli ostaggi veramente molto politici, sui quali il regime iraniano è pronto a compiere sequestri extraterritoriali. E poi c'è anche questa follia, questa paura dello spionaggio... Vedono spie ovunque! 
Oltre a ciò, ci sono moltissimi cittadini con doppia nazionalità, e addirittura sei-sette francesi, che vengono utilizzati per scambi o negoziazioni".

Euronews
"Ci sono tanti europei detenuti nelle carceri iraniane".Euronews

E le reazioni dell'Unione europea sono considerate inefficaci.

Agnès Callamard, Segretario Generale di Amnesty International, continua: 
"In base al diritto internazionale, i governi europei devono intraprendere azioni per proteggere i propri cittadini. Esiste il dubbio, invece, che non facciano tutto ciò che potrebbero fare". 

"L'Unione europea deve fare di più"

L'Unione europea può fare di meglio per aiutare gli europei detenuti: ne è convinto il vice-presidente della delegazione europea in Iran.

Euronews
Europei detenuti in Iran.Euronews
Euronews
Europei detenuti in Iran.Euronews
Euronews
Cittadini con passaporto europeo detenuti in Iran.Euronews

Spiega Bart Groothuis, europarlamentare olandese e vice-presidente della delegazione Ue in Iran:
“Chiaramente, non è abbastanza quello che fa l'Europa. Stiamo esortando Josep Borrell a elaborare nuove strategie, con nuove forme di diplomazia per gli ostaggi, come gli scambi di prigionieri, per vedere cosa possiamo fare per far uscire più persone dalla prigione in Iran”.

Euronews
"L'Unione europea non fa abbastanza".Euronews

"Difficile dialogare con l'Iran"

Bisogna conservare un dialogo aperto, ma al tempo stesso mantenere la pressione sul regime di Teheran. 

Thierry Coville, ricercatore presso IRIS, specialista dell'Iran, è dubbioso: 
“Resta molto difficile avviare negoziati con l'Iran, ma ci proviamo. Non è perché discutiamo che vuol dire che ci arrendiamo... Stabilire un dialogo significa stabilire un contatto, guardare a ciò che viene richiesto, stabilire un equilibrio di potere e cercare effettivamente di raggiungere l'obiettivo di cui abbiamo parlato: far uscire queste persone dalla loro drammatica situazione".

Euronews
"Resta molto difficile avviare negoziati con l'Iran, ma ci proviamo".Euronews
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Singapore, giustiziata una donna per reati legati alla droga: non succedeva dal 2004

L'Iran testa un missile balistico in grado di colpire le basi israeliane e USA nella regione

Iran, ragazza in coma per non aver indossato il velo. Un nuovo caso Mahsa Amini