Achille e Afrodite, lettera d'amore di due partigiani

Gli ultimi pensieri di lui all'amata: 'Ammazzato per la Patria'
Gli ultimi pensieri di lui all'amata: 'Ammazzato per la Patria'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MACERATA, 24 APR - "Dita adorata la fine che prevedevo è arrivata, muoio ammazzato per la mia Patria. Addio Dita, non dimenticarmi mai e ricorda che tanto ti ho amata". Inizia così la lettera che Achille Barilatti, militare antifascista di Macerata, scrisse alla sua amata la notte prima di essere fucilato, al cimitero di Muccia, il 23 marzo del 1944. Ma chi era questa donna di cui Achille si era innamorato? Settantanove anni dopo, Annalisa Cegna, direttrice dell'Istituto storico di Macerata, svela all'ANSA la vera identità di Dita, una verità che è stata ritrovata tra i documenti custoditi nell'Archivio di Stato di Macerata. "Dita - spiega Cegna - era il diminutivo di Afrodite Marasli, greca di Costantinopoli, dove nacque nel 1916". "Di lei - aggiunge la direttrice - sappiamo che era stata catturata dall'Esercito italiano ad Atene nel 1943, portata nelle carceri di Roma e poi internata a Pollenza, nelle Marche, in uno dei vari campi dì concentramento femminili che erano stati creati nel Centro Italia". "Dal campo - racconta ancora Cegna - immaginiamo che Afrodite fosse riuscita a fuggire oppure liberata, per poi incontrare Achille sulle montagne e avviare con lui una storia d'amore molto affascinante, anche per i loro nomi che affondano nella mitologia greca". Alla donna, sempre attraverso l'ultima lettera, il sottotenente entrato nella Resistenza - catturato assieme ai ragazzi di Montalto uccisi dai fascisti - aveva affidato il suo ultimo desiderio: "Vai da mia madre a Passo di Treia appena potrai"; "muoio da forte come onestamente ho vissuto. Addio Dita, addio gnau mio", aveva concluso, svelando così anche l'affettuoso nomignolo. "Questa lettera così tragica, ma carica di amore, è l'ultima traccia che ci colloca Afrodite nelle Marche, dopodiché di lei non sappiamo più nulla", dice la direttrice Cegna. "Oggi avrebbe 107 anni - aggiunge - Ci auguriamo che possa essere ritornata in Grecia, dalla sua famiglia, con la quale non aveva mai interrotto i rapporti". Tanto che nel fascicolo a lei dedicato c'è anche la ricevuta di 2 mila lire che aveva ricevuto dalla madre. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La pazza corsa alla spesa militare in Europa, l'Italia non partecipa

Kosovo, serbi boicottano il voto: fallisce il referendum contro i sindaci albanesi

Aiuti all'Ucraina, martedì il voto al Senato Usa. Mosca a Washington: "Sarà un altro Vietnam"