EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Esagitato distrugge una sala slot, fermato con il taser

Carabinieri bersagliati con tutti gli oggetti a portata di mano
Carabinieri bersagliati con tutti gli oggetti a portata di mano
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VERONA, 22 APR - E' entrato in una sala slot e, senza un motivo, ha distrutto sette macchinette. Per fermare l'uomo esagitato, autore di questo danneggiamento, i carabinieri sono stati costretti ad usare il taser prima di arrestarlo. L'episodio è accaduto nella notte a Verona dove un 23enne gambiano, in stato di alterazione psicofisica, è entrato in una sala slot ed ha iniziato a devastare il locale minacciando anche l'unica commessa presente ed aggredendo un cliente. Rapido l'intervento dei carabinieri, che hanno tentato di riportare alla calma lo straniero, il quale però, per tutta risposta, li ha bersagliati lanciando loro contro vari oggetti di metallo. I militari, a quel punto, sono stati costretti a ricorrere all'uso della pistola Taser. Una volta bloccato, l'uomo è stato condotto in caserma dove si è recato anche il gestore del locale per denunciare gli ingenti danni subiti: sette slot machine rese inservibili, arredi e murature gravemente danneggiati, il tutto per un valore monetario di circa 70.000 euro. Il giovane è stato così arrestato, provvedimento convalidato dal giudice che ha disposto per l'indagato il divieto di dimora nel Comune di Verona in attesa della celebrazione del processo, fissata per il prossimo 21 novembre. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Europa tra caldo estremo e maltempo: le forti piogge colpiscono anche gli Euro 2024

Germania, Scholz: gestire meglio rimpatri, scuse a Varsavia per migranti afgani lasciati al confine

Putin a colloquio con Kim Jong-un in Corea del Nord, verso la firma dell'accordo per il partenariato