Medico arrestato chiede i domiciliari, giudici si riservano

L'uomo è in carcere con l'accusa di aver ucciso la moglie
L'uomo è in carcere con l'accusa di aver ucciso la moglie
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 21 APR - Il tribunale del Riesame di Bologna si riserva sul ricorso degli avvocati di Giampaolo Amato, Gianluigi Lebro e Cesarina Mitaritonna. L'uomo, medico bolognese di 64 anni, si trova in carcere con l'accusa di aver assassinato la moglie, Isabella Linsalata, nella notte tra il 30 e il 31 ottobre del 2021. Al termine dell'udienza, durata circa un'ora e 30 minuti, gli avvocati hanno affermato di aver chiesto "anche i domiciliari" per l'uomo, ma i giudici del collegio si sono riservati. A quanto si apprende, durante l'udienza i legali dell'uomo avrebbero discusso solo in merito alle esigenze cautelari. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi: sospese le trivellazioni a Groninga, alto rischio terremoti

Tesla richiama oltre tremila Cybertruck per un guasto al pedale

Venezia: al via la Biennale segnata dalle guerre in Ucraina e Medio Oriente