A Milano via al corteo antimafia con lo slogan 'è possibile'

Presenti 500 parenti delle vittime della criminalità organizzata
Presenti 500 parenti delle vittime della criminalità organizzata
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 MAR - C'è anche una grande bandiera arcobaleno ad aprire il corteo della XXVIII Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che si tiene a Milano, quando cadono i trent'anni della strage mafiosa di via Palestro. Proprio stamattina alle 7, prima del corteo, i parenti delle vittime e le autorità hanno commemorato i morti di quella strage. In testa al corteo, partito da corso Venezia e diretto in piazza Duomo, con lo striscione con la scritta 'È possibile', slogan della giornata, ci sono il segretario della Cgil Maurizio Landini e il presidente e fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, con il sindaco di Milano, Giuseppe Sala che prima di sfilare ha salutato uno ad uno i parenti in prima fila delle vittime della mafia. Proprio loro indossano le foto dei familiari morti per mano della criminalità organizzata. Tra di loro, Paolo Setti Carraro, fratello di Emanuela, morta nell'attentato insieme al marito, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. C'è poi Vincenzo Agostino padre di Antonio, agente di polizia ucciso nel 1989 da Cosa nostra. Sono 500 i parenti delle vittime arrivati a Milano per l'occasione, anche dall'estero ad esempio dal Messico. Al corteo partecipa anche la segretaria del Pd Elly Schlein che sarà in piazza Duomo alle 10:30. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudan, un anno di guerra: donatori a Parigi, Germania promette milioni di aiuti

Le notizie del giorno | 15 aprile - Serale

Portogallo, i giovani votano destra: il peso del partito Chega! verso le elezioni europee