Torna Fa' la cosa giusta con 9 aree tematiche e 300 incontri

A Milano oltre 450 espositori, per la prima volta anche il Cai
A Milano oltre 450 espositori, per la prima volta anche il Cai
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 14 MAR - Tre giorni dedicati alla sostenibilità con nove aree tematiche, oltre 450 realtà espositive e 300 incontri. Sono i numeri della 19esima edizione di Fa' la cosa giusta! la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, promossa da Terre di Mezzo, che si tiene a Milano dal 24 al 26 marzo nei padiglioni dell'Allianz-MiCo. Sono nove le aree tematiche, turismo, food e street food, vegan, infanzia, cosmesi, moda, green e terzo settore con oltre 450 realtà espositive da tutta Italia. In parallelo alla fiera si svolgerà anche un programma culturale per raccontare la sostenibilità a 360 gradi negli stili di vita, nel turismo lento e nella rigenerazione dei territori, l'economia circolare, la lotta allo spreco, la giustizia sociale e ambientale, l'attivismo climatico e le energie rinnovabili. Fa' la cosa giusta! inoltre coinvolgerà oltre 6 mila studenti provenienti dalla Lombardia ma anche da altre parti d'Italia, iscritti a vari incontri. L'area Turismo Consapevole, Grandi Cammini e Outdoor si sviluppa all'interno della Fiera dei Grandi Cammini, il più grande evento in Italia dedicato ai percorsi a piedi e ai cicloviaggi. In questo settore una novità è il Cai, il Club Alpino Italiano, presente per la prima volta a Fa' la cosa giusta! con uno stand. Al suo interno i visitatori troveranno anche una parete per l'arrampicata. All'interno della Fiera si inserisce la quarta edizione di Social Cohesion Days. Nato nel 2014, il festival internazionale volto a sviluppare e rafforzare la cultura della coesione sociale quest'anno è dedicato al tema "Cosa (ci) manca ancora? Obiettivi raggiunti e scenari futuri per una società coesa". Dedicato al mondo della moda etica, che racconta l'artigianalità, le produzioni a basso impatto e i designer indipendenti, è lo spazio Critical Fashion e in particolare il progetto, realizzato con il contributo di Regione Lombardia, "Il bello del km sostenibile", che approfondisce la filiera trasparente nel mondo della moda. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: la Russia consolida le posizioni intorno ad Avdiivka

Spagna: indagato per terrorismo l'indipendentista Carles Puigdemont

Le notizie del giorno | 29 febbraio - Serale