Papilloma virus: Lilt, meno di una donna su due è vaccinata

Ricercatrice università Cattolica, 'ancora molte fake news'
Ricercatrice università Cattolica, 'ancora molte fake news'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

ANSACOM LILT - PEZZO PER LA RETE (ANSA) - MILANO, 04 MAR - Meno di una ragazza su due ha completato il ciclo vaccinale contro l'HPV e solo il 15,4% dei ragazzi. Eppure, ogni anno, oltre 6.500 casi di cancro sono riconducibili all'infezione da Papilloma virus. In occasione della giornata contro l'HPV, il 4 marzo, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori promuove '50 sfumature di prevenzione', un progetto di sensibilizzazione dedicato al mondo della scuola. "In questo periodo di pandemia, fake news, dubbi sul vaccino e altre cose hanno ridotto le vaccinazioni e la prevenzione con il Pap-test" osserva il presidente di Lilt Milano Monza Brianza, Marco Alloisio. "Basti pensare che nel 2015 avevamo una copertura vaccinale intorno al 56%, mentre nel 2021 è scesa al 32%". A partire dai corretti stili di vita sessuali, l'associazione in collaborazione con il Centro di ricerca 'EngageMinds Hub' dell'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Cremona, ha organizzato momenti formativi per insegnanti, genitori e gli stessi studenti di terza media e terza superiore. Molti sono risultati gli stereotipi da sfatare: secondo una ricerca sugli insegnanti condotta per Lilt da Serena Barello, ricercatrice dell'università Cattolica, quasi 8 persone su 10 sono convinte che malattie come l'autismo, la sclerosi multipla e il diabete possano essere provocate dai vaccini, mentre il 72% crede che molte vaccinazioni vengano somministrate troppo spesso. Il 31% delle insegnanti ha dichiarato di non essersi sottoposta a un pap-test negli ultimi tre anni; il 61% di non essersi mai sottoposta a uno screening per l'HPV; il 94% di non essersi mai sottoposta alla vaccinazione e solo una su tre si è detta disposta ad effettuarla in futuro. "C'è bisogno che i cittadini possano fruire di occasioni di formazione" osserva Barello. "Bisogna lavorare sulla propensione ai vaccini e colmare il divario tra attitudini e comportamenti effettivi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Belgio, il Consiglio di Stato autorizza la riunione dell'estrema destra

Protesta in Georgia contro la "legge russa" sugli agenti stranieri, scontri con la polizia e arresti

Roma, la ripresa economica passa per Bruxelles e per le elezioni europee