G7: "Sanzioni durissime ai Paesi che aiutano la Russia"

Gli schermi del G7, al Palazzo dell'Eliseo, a Parigi. (24.2.2023)
Gli schermi del G7, al Palazzo dell'Eliseo, a Parigi. (24.2.2023) Diritti d'autore Christophe Petit Tesson/AP
Di Cristiano TassinariEuronews - Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tutti i Paesi (Italia, Francia, Germania, Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Giappone, oltre all'Unione europea) si sono impegnati a continuare a sostenere Kiev finanziariamente e militarmente, E sanzioni durissime ai Paesi che aiutano Putin, "a cominciare dall'Iran"

PUBBLICITÀ

I membri del G7, riunitisi venerdì 24 febbraio - in occasione del primo anniversario della guerra - in una riunione virtuale, hanno ribadito il loro impegno nei confronti dell'Ucraina.

Screenshot Video AP
Dall'alto: Macron, Kishida, Michel, Biden. Al centro: von der Leyen, Sunak, Meloni, Trudeau. In basso: Zelensky e Scholz. (24.2.2023)Screenshot Video AP

Tutti i Paesi (Italia, Francia, Germania, Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Giappone, oltre all'Unione europea) si sono impegnati a continuare a sostenere Kiev finanziariamente e militarmente, pur continuando sulla strada delle sanzioni contro Mosca. 

E sanzioni durissime contro i Paesi che aiutano Putin, "a cominciare dall'Iran", come ha spiegato il portavoce del Pentagono, John Kirby

Giappone e Germania: i più decisi

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida, in qualità di presidente del G7 di quest'anno, ha anche annunciato che il Giappone imporrà ulteriori sanzioni alla Russia, tra cui il congelamento dei beni di circa 120 individui e organizzazioni e il divieto dell'esportazione di droni e altri materiali che possono essere utilizzati per scopi militari.

Dopo i tentennamenti della Germania delle settimane scorse, il Cancelliere tedesco, **Olaf Scholz**ha dichiarato che fornirà altri carri armati Leopard 2, di fabbricazione tedesca.

"Purtroppo, anche dopo un anno di guerra e spargimento di sangue, non vedo alcuno sforzo da parte della Russia per porre fine a questa guerra criminale.
Al contrario, Putin continua a impegnarsi in un comportamento nucleare irresponsabile e ora sta persino mettendo in discussione l'ultimo trattato sulle armi nucleari strategiche".
Olaf Scholz
64 anni, Cancelliere della Germania, dal dicembre 2021
Joerg Carstensen/(c) Copyright 2023, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten
Il Cancelliere tedesco Olaf Scholz.Joerg Carstensen/(c) Copyright 2023, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten

Durante la riunione online del G7, è intervenuto anche il Presidente del Consiglio italiana, Giorgia Meloni

"L'approvazione della risoluzione all'Assemblea delle Nazioni Unite, pur decretando l'isolamento della Russia, ci ha ricordato che occorre intensificare i contatti con quei Paesi che si sono ancora astenuti".
Giorgia Meloni
45 anni, Presidente del Consiglio italiano, da ottobre 2022

Il presidente americano Joe Biden, da parte sua, ha cercato di allentare le tensioni con la Cina, sostenendo che non ci sono “prove” che Pechino stia fornendo armi alla Russia.

Risorse addizionali per questo articolo • ANSA

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le falle nell'unione doganale dell'UE aiutano la Russia a eludere le sanzioni

Zelensky racconta un anno di guerra: "A Bucha il giorno più buio, abbiamo visto il male puro"

Ucraina, un anno di guerra. Il Paese resiste, commemorazioni a Kiev in Piazza Santa Sofia