Carceri: protesta sindacati davanti carcere di Poggioreale

Carenza personale, sanità e sicurezza tra le rivendicazioni
Carenza personale, sanità e sicurezza tra le rivendicazioni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 20 FEB - Mattinata di proteste, davanti al carcere di Poggioreale, a Napoli, da parte dei sindacati di Polizia Penitenziaria che si sono presentati in forze per dare voce con bandiere e slogan alle loro rivendicazioni legate alle carenze di personale, alla sanità carceraria e alla sicurezza negli istituti di pena. Presenti, insieme con i rappresentanti regionali di Si.N.A.P.Pe (Gallo), UIL (De Benedictis) , USPP (Auricchio), CISL (Sorrentino), CGIL (Scocca e Tinto) e CNPP (Napoletano), anche il segretario generale aggiunto Luigi Vargas (Si.N.A.P.Pe.), Raimondo Inganni (segretario nazionale C.I.S.L.-F.N.S.) e Giuseppe Moretti (presidente dell'Uspp). I rappresentanti regionali e nazionali dei sindacati presenti in piazza, dopo qualche ora, sono stati ricevuti dai dirigenti del Provveditorato amministrazione penitenziaria regionale. "Stanno friggendo il pesce con l'acqua - fanno sapere i rappresentanti sindacali - le loro, finora, sono state solo dichiarazioni di intenti, peraltro molto generiche, ma soprattutto non è emersa la volontà di voler ripristinare le relazioni sindacali". I rappresentanti sindacali Vargas, Inganni e Moretti esiste e permane nelle carceri "una criticità allarmante". "Non si deve dimenticare che i poliziotti penitenziari - hanno aggiunto - rappresentano lo Stato e se si indebolisce la figura degli agenti allora si indebolisce la figura dello Stato a vantaggio della criminalità, cioé di tifa per iol rafforzamento del potere dei detenuti a discapito della polizia penitenziaria". "A manifestare - hanno ribadito i segretari regionali - sei sigle sindacali, e questo è sintomatico. Il personale in servizio in Campania è allo stremo ed è per questo che lanciamo uin grido d'allarme. Manterremo lo stato di agitrazione in attesa che le promesse si concretizzino". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

G7 a Capri, si apre la seconda giornata: in agenda aiuti all'Ucraina e l'escalation in Medio Oriente

Germania: arrestate due spie russe, volevano sabotare gli aiuti a Kiev

Operazione Shields: il comandante chiede più mezzi nel Mar Rosso