EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Corruzione all'Agenzia del Po, sequestri della Finanza

Sotto osservazione busta con 3mila euro al direttore
Sotto osservazione busta con 3mila euro al direttore
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PARMA, 03 FEB - Perquisizioni e sequestri della Guardia di Finanza e della Procura di Parma all'Aipo, l'Agenzia interregionale per il fiume Po con l'ipotesi di corruzione e peculato. Sotto osservazione c'è, in particolare, l'incontro fra il direttore dell'Aipo, Meuccio Berselli e un imprenditore edile durante il quale ci sarebbe stato lo scambio di una busta, immediatamente controllata dai finanzieri, con dentro tremila euro in contanti. Un altro scambio di buste sarebbe stato osservato, sempre dalle stesse Fiamme Gialle, tra lo stesso imprenditore e un altro dirigente di Aipo. La guardia di finanza ha fatto perquisizioni negli uffici Aipo, nell'impresa edile e nelle abitazioni dei principali indagati. A casa dell'ex segretario generale dell'Agenzia di Bacino del Po, adesso direttore Aipo, è stato trovato, in un borsone, avvolto in un elastico, il denaro contante pari a tremila euro, sequestrato in relazione all'ipotesi di reato di corruzione. In casa dell'altro dirigente sono state trovare diverse buste con oltre 23mila euro. L'ipotesi di reato, nell'indagine condotta dalla Guardia di Finanza coordinata dalla procura parmigiana diretta da Alfonso D'Avino, è anche quella di peculato perché l'indagine era nata per verificare il possibile uso indebito di un'auto di servizio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia: maxi finanziamento per rafforzare il confine con Bielorussia e Russia

Maltempo: in Francia e Belgio case allagate e auto sommerse

Guerra a Gaza: scontro tra Gantz e Netanyahu, morti oltre 80 palestinesi e due soldati israeliani