EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Omaggio del Bundestag alle vittime della furia nazista

Il Bundestag riunito nella Giornata della Memoria
Il Bundestag riunito nella Giornata della Memoria Diritti d'autore frame
Diritti d'autore frame
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ebrei, ma anche omosessuali, oppositori politici, rom, disabili, neri europei... Secondo una stima l'Olocausto costò la vita a 15 milioni di persone

PUBBLICITÀ

Come accade ogni anno nella Giornata della Memoria il parlamento tedesco ha reso omaggio alle vittime della persecuzione nazista. Oltre allo sterminio degli ebrei, il Bundestag ha ricordato anche l'uccisione sistematica degli omosessuali e delle altre minoranze sessuali, che ancora oggi continuano a subire discriminazioni in molte parti del mondo.

Baerbel Bas, presidente del parlamento, ha rivendicato la necessità di continuare a parlare di queste tragedie. "Non possiamo mettere una pietra sopra".

Durante la seduta speciale ha parlato anche una sopravvissuta all'olocausto, Rozette Katz, unica della sua famiglia a venire risparmiata perché riuscita ad assumere una falsa identità. "Quello che ho dovuto imparare da piccola, molti membri delle minoranze sessuali e di genere lo hanno dovuto imparare prima e purtroppo anche dopo il 1945. Le persone si ammalano quando devono nascondersi e negarsi".

Il 42 per cento delle vittime dell'olocausto erano ebrei, seguiti da oppositori polacchi, russi, ucraini, appartenenti all'etnia rom, omosessuali, disabili, neri europei... Si calcola che il folle progetto hitleriano costò la vita ad almeno 15 milioni di persone.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Giorno della Memoria: Zelensky al memoriale di Babyn Yar, Auschwitz piange per l'Ucraina

Germania e Regno Unito firmano un accordo per rafforzare la cooperazione nella Difesa

Berlino: una mostra per ricordare le donne della resistenza contro il nazismo