Uccise moglie per 'delirio di gelosia', anziano di nuovo assolto

'Incapace di intendere e volere', Cassazione conferma sentenza
'Incapace di intendere e volere', Cassazione conferma sentenza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - La Cassazione ha confermato l'assoluzione nei confronti dell'uomo che a Brescia uccise la moglie e che dal primo grado è assolto per "delirio di gelosia". Antonio Gozzini, oggi 81enne, la notte tra il 3 e il 4 ottobre del 2019 uccise in casa la moglie Cristina Maioli colpendola con un martello e poi accoltellandola. L'uomo è stato dichiarato incapace di intendere e volere perché affetto da delirio di gelosia ed è ricoverato nella Rems di Castiglione delle Stiviere (Mantova). La patologia psichiatrica era stata riconosciuta in primo grado da due consulenze, della difesa e dell'accusa, durante il dibattimento. "Appare necessario non confondere i disturbi cognitivi con le episodiche perdite di autocontrollo sotto la spinta di impellenti stimoli emotivi; la liberazione dell'aggressività in situazioni di contingenti crepuscoli della coscienza con la violenza indotta dalla farneticazione nosologica; il "movente" con il "raptus" e "l'allucinazione"; il femminicidio con l'uxoricidio" scrisse il presidente della Corte d'Assise Roberto Spanó nelle motivazioni della sentenza di primo grado, confermata in appello e ora diventata definitiva in Cassazione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi climatica, Polonia: da 26 gradi a temperature sotto zero in pochi giorni

Israele, capo intelligence militare Haliva si dimette per l'attacco del 7 ottobre di Hamas

La pazza corsa alla spesa militare in Europa, l'Italia non partecipa