EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Morto Biagio Conte: quando il Papa mangiò alla sua mensa

Con 160 "ultimi" seduto accanto al missionario e a un disabile
Con 160 "ultimi" seduto accanto al missionario e a un disabile
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 12 GEN - Papa Francesco pranzò nella sala mensa della missione "Speranza e carità", in via Decollati, il 15 settembre 2018 in occasione della sua visita a Palermo. Era seduto vicino al missionario laico Biagio Conte, morto oggi, a padre Pino, al vescovo Lorefice e a un disabile. Nella sala mensa c'erano 160 persone radunate attorno ai tavoli: poveri, migranti, ex detenuti, volontari. Fuori dalla mensa ma sempre nella missione c'erano altre 1.300 persone che pranzavano in contemporanea col Papa. Nella missione di Biagio Conte quel giorno si respirava aria di gioia per l'appuntamento col Pontefice che volle dare un segnale, visitando la missione, per l'attività svolta dai volontari nei confronti delle persone povere, emarginate, senza casa, migranti e con problemi di salute. "Sono emozionato e felice per l'arrivo di Papa Francesco - disse Biagio Conte che attendeva il Pontefice - E' un momento di comunione forte con il Santo Padre in cui insieme lanciamo un messaggio di accoglienza verso tutte le persone in difficoltà sia italiane, sia straniere. La Chiesa deve camminare unita e diventare esempio di carità per tutta la società. Bisogna essere attenti a tutti, i papà che hanno perso il lavoro, le famiglie che hanno figli disabili, le donne con figli rimaste sole, gli immigrati, i carcerati, tutti quelli che hanno perso la speranza". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 20 maggio - Serale

Solidarietà e sconcerto: i politici dell'Ue si dividono sulla morte del presidente iraniano Raisi

Ucraina, raccolti 4 milioni di euro in Slovacchia per inviare munizioni a Kiev