Ex Ilva: bimbo malato leucemia, genitori fanno causa a Stato

Chiesto risarcimento di oltre un milione e mezzo di euro
Chiesto risarcimento di oltre un milione e mezzo di euro
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TARANTO, 05 GEN - I genitori di un bambino di 5 anni, nato e vissuto al rione Tamburi di Taranto, che ha contratto la leucemia, malattia che essi ritengono connessa alle emissioni nocive dello stabilimento ex Ilva, hanno fatto causa allo Stato chiedendo un risarcimento di oltre un milione e mezzo di euro. Oggi la prima udienza al Tribunale civile di Lecce. Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Anton Giulio Lana, Mario Melillo, Cosimo Portacci e Maria Immacolata Riso. Il caso al centro della causa civile, è detto in una nota dei legali, "è emblematico della grave situazione per la salute dei bambini di Taranto, specialmente di coloro che vivono nel quartiere Tamburi e Paolo VI. Lo Stato è sicuramente responsabile di quanto accaduto al bambino avendo omesso ogni intervento per rimuovere il rischio di contrarre tumori e altre gravi malattie da parte della popolazione tarantina che vive nelle zone a ridosso dello stabilimento". Questo processo, conclude il collegio difensivo, "si inserisce nel solco tracciato da numerose sentenze della corte europea dei diritti dell'uomo che, in materia, hanno già avuto modo di affermare la responsabilità dello Stato italiano". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La pazza corsa alla spesa militare in Europa, l'Italia non partecipa

Kosovo, serbi boicottano il voto: fallisce il referendum contro i sindaci albanesi

Aiuti all'Ucraina, martedì il voto al Senato Usa. Mosca a Washington: "Sarà un altro Vietnam"