EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Accoltellata a Roma: clochard monitorato costantemente in cella

Settimana prossima atti a pm capitale per competenza
Settimana prossima atti a pm capitale per competenza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 05 GEN - Ha trascorso la notte tranquillo in cella ed è monitorato costantemente dagli agenti di polizia penitenziaria Aleksander Mateusz Chomiak, il clochard 24enne della Polonia, accusato di tentato omicidio per aver accoltellato, la notte di San Silvestro, alla stazione Termini di Roma, una turista israeliana. Da quanto si è saputo, il giovane è in attesa della traduzione in polacco del provvedimento con cui ieri il gip Natalia Imarisio ha convalidato la richiesta di fermo e della custodia cautelare in carcere avanzata dal pm Enrico Pavone. Dopo di che, il pubblico ministero, a partire da lunedì prossimo, trasmetterà gli atti per competenza alla Procura capitolina. In seguito verrà trasferito a Rebibbia. Intanto l'avvocato del senzatetto, Francesca Rena, ha fatto istanza affinché Chomiak possa avere un difensore con il gratuito patrocinio, ossia pagato dallo Stato. Anche perché finora, in Italia, ha vissuto di espedienti, carità e piccoli furti, e di certo non può sostenere alcun costo. È ancora un mistero il motivo per cui è venuto nel nostro Paese, forse, è stato spiegato, per cercare una nuova prospettiva di vita che la Polonia, dove ha due bimbi piccoli che vivono con la madre, non gli poteva offrire. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Austria, i migranti dovranno lavorare per 10 ore a settimana per mantenere diritti e sussidi

L'Albania brucia con l'estate e i pompieri non hanno mezzi: l'Ue interviene contro gli incendi

Regno Unito, Starmer vuole ricostruire le relazioni con l'Unione europea