I giovani in Russia, tra propaganda e voci non allineate

Forum di Partecipazione Civica a Mosca
Forum di Partecipazione Civica a Mosca Diritti d'autore Jóvenes se fotografían durante el Foro de Participación Cívica
Diritti d'autore Jóvenes se fotografían durante el Foro de Participación Cívica
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I luoghi del dibattito e la posizione dei giovani in Russia su guerra e libertà di espressione

PUBBLICITÀ

La propaganda in Russia si è evoluta: non c'è più l'agit-prop di matrice sovietica, ma piattaforme di diffusione di idee, come il Forum Internazionale della Partecipazione Civica, che si è tenuto a Mosca il 9 dicembre scorso. L'evento riunisce esponenti della società civile. 

Tra i partecipanti al forum quest'anno c'era anche un ''Eroe della Russia'', il pilota Peter Kashtanov: "Il mio sogno è quello di terminare il prima possibile l'operazione militare speciale per adempiere a tutti i compiti assegnati all'esercito e al Paese. E porre fine una volta per tutte al nazismo e al fascismo, che ora prosperano sul territorio dell'Ucraina".

"Ho amici che sono coinvolti nell'operazione militare speciale e diversi parenti. "Vorrei che finisse in fretta, tutto qui. Voglio che i miei cari tornino a casa e che nessun altro soffra" commenta Elisaveta, che fa parte del Fronte Popolare Russo.

Ma il dubbio sull'opportunità della guerra e sul ruolo dei giovani in Russia non è stato messo al bando. Nikita Kuchinskiyè uno studente e scrive per la Doxa, una rivista sociopolitica studentesca che si posiziona come "rivista indipendente contro la guerra, la dittatura e la disuguaglianza".

L'attività del giornale ha acquisito risonanza in relazione al procedimento penale a carico dei suoi redattori dopo le proteste russe del 2021. Dopo l'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina, il sito web di Doxa è stato bloccato in Russia.

"I giovani non sono più in grado di impegnarsi nell'attivismo, nella politica, i giovani non hanno praticamente più spazio per esprimere le proprie opinioni - dice Kuchinskiy - Nelle università, che sono la principale piattaforma di realizzazione dei giovani, la propaganda è penetrata in tutti i settori."

Anche Ekaterina Martinova scrive per Doxa e non è allineata: "Sembra che ci sia una linea oltre la quale non si capisce più se c'è un limite alla repressione e se rimane almeno un po' di libertà di parola". 

Tra i giovani, in Russia, il dibattito non è dunque morto. Ma la cornice istituzionale entro cui si sviluppa non garantisce l'immunità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La propaganda di Mosca dal forum 'Army 2022'

Il consenso per Putin? Figlio di una "propaganda aggressiva come in epoca sovietica"

Ucraina, attacco russo a Dnipro: 8 morti, primo sì da Camera Usa per aiuti a Kiev, Israele e Taiwan