A Milano imbrattato murale dedicato a perseguitati antifascisti

Ortica Memoria, è seconda volta si tratta di attacco deliberato
Ortica Memoria, è seconda volta si tratta di attacco deliberato
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - E' stato nuovamente imbrattato a Milano il murale dedicato agli antifascisti perseguitati dal regime durante il ventennio, che si trova nel quartiere Ortica. Lo rende noto, in un comunicato, l'associazione OrMe-Ortica Memoria. Per la seconda volta è comparsa una scritta ingiuriosa in vernice nera a sfregiare i volti delle donne e degli uomini ritratti, che sono diventati simbolo della lotta al fascismo, tra questi c'è anche Nedo Fiano sopravvissuto ad Auschwitz. A inizio dicembre il murale era stato restaurato dal collettivo artistico Orticanoodles, autore dell'opera, che aveva eliminato la grande scritta a vernice nera apparsa a ottobre. "Si tratta di un gesto gravissimo e stiamo valutando le azioni da intraprendere - ha commentato Serafino Sorace, presidente dell'associazione OrMe-Ortica Memoria, che ha realizzato il primo museo a cielo aperto di Milano di cui il murale fa parte -. Il nuovo imbrattamento è avvenuto a una decina di giorni dal ripristino dell'opera e non può più essere considerato un generico atto di vandalismo: si tratta di un attacco deliberato al nostro lavoro e ai valori che quel murale rappresenta". L'opera, che si trova in via Tucidide a Milano, raffigura dieci uomini e donne perseguitati dal regime fascista: monsignor Giovanni Barbareschi, Beata Suor Enrichetta Alfieri, Elena Rasera, Claudia Ruggerini, Carlo Venegoni, Nedo Fiano, Luigi Pestalozza, Thelma Hauss De Finetti, Carlo Bianchi, Mino Steiner. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: la Camera approva la legge contro TikTok, l'app potrebbe essere vietata

Morti e feriti per i combattimenti in Cisgiordania, nuovi bombardamenti su Rafah

Elezioni in Basilicata: seggi aperti domenica e lunedì