EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La storia dei rifugiati ucraini che trovano una casa in Inghilterra

Nataliia e Amanda, che l'ha accolta nella sua casa nel sud-est dell'Inghilterra
Nataliia e Amanda, che l'ha accolta nella sua casa nel sud-est dell'Inghilterra Diritti d'autore DANIEL LEAL/AFP or licensors
Diritti d'autore DANIEL LEAL/AFP or licensors
Di Euronews Agenzie:  AFP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

C'è un programma britannico che aiuta chi decide di ospitare una famiglia scappata dalla guerra. Ma ultimamente la domanda è nettamente superiore all'offerta

PUBBLICITÀ

Nataliia Parkhomenko, scappata da Melitopol, nel sud dell'Ucraina, a maggio insieme ai suoi due figli, ha trovato una casa e una famiglia in Inghilterra, grazie a un programma, "Homes for Ukraine", che offre agli ucraini l'opportunità di vivere, lavorare e studiare per un massimo di tre anni con accesso ai benefici statali. Vive da Amanda Rodriguez Medina, nella sua casa di Basildon, nel sud-est del Paese, da oltre sei mesi e le due donne hanno legato molto. Vanno in palestra e insieme fanno giardinaggio, bricolage e anche le pulizie.

"Ora vivo qui e sono felice di essere qui, sono fortunata ad aver trovato una donna davvero gentile", racconta Nataliia. "Mi aiuta, come se fosse la mia mamma". Amanda, dal canto suo, sottolinea di essere "contenta di continuare a ospitare" la famiglia di Nataliia, fino a quando non potranno affittare in modo indipendente.

Almeno 2.175 famiglie ucraine che vivono in Inghilterra hanno richiesto l'intervento delle autorità locali per evitare di ritrovarsi per strada. A chi decide di ospitarli viene richiesto un impegno di almeno 6 mesi. 

Secondo l'Office for National Statistics (ONS), la metà degli ucraini rifugiati nel Regno Unito prevede di rimanerci per almeno tre anni. Ma gli sponsor stanno diminuendo. Recentemente ci sono state solo 30 offerte di sponsorizzazione a fronte di 1.800 richieste.

"Non sono rimasti molti sponsor. Non si può però dire che l'interesse sia diminuito, all'inizio ce n'era molto, certo", dichiara Stan Benes, dell'associazione di beneficenza Opora. "E molte di queste persone hanno accolto rifugiati. Da allora, purtroppo, non sono stati molti quelli che si sono fatti avanti, per vari motivi".

Dal 24 febbraio oltre 146.000 ucraini sono fuggiti dalla guerra e hanno trovato rifugio nel Regno Unito grazie a questo programma.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tratta di esseri umani: le donne ucraine a rischio

Regno Unito, annuncio a sorpresa di Sunak: elezioni anticipate il 4 luglio

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti