Scontri etnici in Kosovo, rimandate le amministrative nelle città a maggioranza serba

Barricate a Rudare nel nord del Kosovo
Barricate a Rudare nel nord del Kosovo Diritti d'autore Bojan Slavkovic/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Barricate e sparatorie nella notte tra serbi e kosovari; la tensione sale sempre di più e Belgrado chiede alla Kfor l'invio di truppe serbe in territorio kosovaro

PUBBLICITÀ

Barricate, esplosioni e sparatorie questo sabato sera nei comuni kosovari a maggioranza serba divenuti ormai una polveriera con l'esacerbarsi delle tensioni tra Pristina e Belgrado già materializzatesi nelle dimissioni in massa dei dipendenti pubblici serbi in Kosovo e nel divieto imposto da Pristina alle targhe serbe.

Nelle ultime ore l'arresto di un poliziotto serbo ha galvanizzato lo scontro tanto che le elezioni amministrative sono state rimandate per decisione della presidente del Kosovo, Vjosa Osmani. La misura interessa l'elezione dei sindaci in quattro comuni e dei consigli municipali in due comuni. Il voto si terrà nel mese di aprile. In questo contesto Belgrado, che non riconosce il Kosovo, ha fatto sapere che chiederà alla (Kfor), le forze Nato nel Paese balcanico, l'invio in Kosovo di un contingente delle forze di sicurezza serbe. 

Il presidente serbo Aleksandar Vucic intanto vuole ostacolare le ambizioni kosovare di aderire alla Ue; in vista della presentazione della domanda di adesione alla Ue da parte del Kosovo, ha detto di aver inviato una lettera ai cinque Paesi dell'Unione europea che non riconoscono l'indipendenza di Pristina. In un intervento in diretta tv dedicato all'escalation della tensione in Kosovo, Vucic ha precisato che in tale lettera si sottolinea che solo Paesi europei formalmente e universalmente riconosciuti possono presentare domanda di adesione alla Ue, e il Kosovo non lo è. 

Dei 27 Paesi membri della Ue Spagna, Grecia, Romania, Slovacchia e Cipro non riconoscono il Kosovo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Piccoli passi verso l'accordo delle targhe fra Serbia e Kosovo

Kosovo: dimissioni di massa dei dipendenti pubblici serbi, via anche i giudici

Serbia, l'opposizione protesta durante la prima sessione del Parlamento: "Elezioni rubate"