Truffe a imprese con false Pec di banche, sette perquisizioni

Sequestrato mezzo milione di euro, operazione della Postale
Sequestrato mezzo milione di euro, operazione della Postale
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 03 DIC - Sette perquisizioni sono state eseguite dalla Polizia di Stato, su delega della Procura di Brescia, nelle province di Milano e Brescia, nei confronti di sette persone appartenenti a un'organizzazione che truffava piccole e medie imprese in tutt'Italia. Il gip ha disposto nei loro confronti l'applicazione delle misure cautelari dell'obbligo di dimora e della presentazione alla polizia giudiziaria e il sequestro preventivo di quasi mezzo milione di euro. A cominciare le indagini gli agenti della Polizia Postale di Crotone a cui una delle vittime aveva sporto denuncia: i truffatori usavano e-mail e Pec apparentemente riconducibili ai principali istituti bancari italiani per promuovere falsi finanziamenti per l'industria. Era prospettata alle società la possibilità di accedere a contratti di finanziamento per piccole e medie imprese garantiti da Cassa Depositi e Prestiti a condizione di sottoscrivere una polizza assicurativa, con versamento di un premio unico corrispondente al 1,2% o 1,4% della somma erogata. Il pagamento confluiva su conti correnti esteri nella disponibilità degli indagati che poi sparivano Le perquisizioni hanno permesso di accertare che la truffa era ancora in corso. Con la Polizia di Crotone hanno collaborato quelle di Milano e Brescia, coordinate dal Servizio della Polizia Postale e delle Comunicazioni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia