Seawatch contro tutti

Image
Image Diritti d'autore THOMAS LOHNES/AFP or licensors
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La ong decide di portare in tribunale mezzo gotha politico europeo

PUBBLICITÀ

Continua la guerra a colpi di carte bollate della Seawatch contro i suoi avversari. Stavolta la ONG, assieme a un'organizzazione umanitaria tedesca, la ECCHR, ha puntato al bersaglio grosso e vuole trascinare di fronte alla Corte Penale Internazionale l'ex ministro dell'Interno Marco Minniti, l'ex Alto rappresentante della Ue Federica Mogherini, l'ex e l'attuale premier maltesi, Robert Abela e Joseph Muscat, l'ex direttore di Frontex Fabrice Leggeri e altri fra cui l'ex ministro dell'Interno e attuale responsabile delle Infrastrutture, Matteo Salvini. 

L'accusa è di "complicità" con la Guardia costiera libica nella "privazione della libertà" per alcuni migranti.

La Ecchr è già riuscita negli ultimi anni a trascinare davanti ai tribunali tedeschi gli aguzzini del regime siriano di Bashar Assad, ma stavolta il tentativo potrebbe fallire. Il Procuratore decide infatti a titolo discrezionale se iniziare o meno a indagare su una determinata situazione. La competenza della Cpi non è inoltre né esclusiva, né prioritaria, ma complementare a quella delle giurisdizioni statali. Salvini è ancora sotto processo per il caso Open arms e bisognerebbe dimostrare la responsabilità diretta dei politici europei nelle torture.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, l'Albania approva l'accordo sui Cpr dell'Italia

Germania, ancora seimila persone in piazza contro l'estrema destra

Migranti, sì all'accordo tra Italia e Albania: esulta il governo Meloni, critiche le ong