COP-27, allarme HRW: Il governo egiziano reprime il dissenso

frame
frame Diritti d'autore frame
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Ong denuncia l'arresto di militanti e l'introduzione di sistemi di controllo che violano la privacy

PUBBLICITÀ

Vietato protestare in Egitto a margine della COP 27, la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima in programma a Sharm el-Sheik.

Secondo quanto rivela Human Rights Watch negli ultimi giorni le autorità egiziane hanno arrestato decine di persone che avevano indetto mobilitazioni a riguardo, fatto installare delle videocamere nei taxi per monitorare passeggeri ed autisti, e reso molto complesse le procedure di registrazione alla conferenza in modo da scoraggiare la partecipazione.

HRW sottolinea anche che il governo egiziano richiede a tutti i partecipanti di scaricare un'applicazione che raccoglie informazioni personali e richiede l'accesso alla fotocamera, al microfono e al servizio di localizzazione del telefono cellulare.

"Una mole di dati", nota il gruppo, "che solleva preoccupazioni sul diritto alla privacy dei partecipanti".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Clima, Cop27 in Egitto: obiettivi mancati e vertice in salita

In Danimarca stoccano il carbonio sotto il mare

La Cop27 si chiude guardando già a quella che verrà