This content is not available in your region

Sospensione dell'accordo sul grano: critiche di Ue e Usa, colloqui Mosca-Ankara in corso

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews - Ansa - Agenzie internazionali
Grain, 2022.
Grain, 2022.   -   Diritti d'autore  Tsvangirayi Mukwazhi/The AP   -  

Nelle prossime ore, al Consiglio di Sicurezza dell'Onu di lunedì 31 ottobre, la Russia notificherà ufficialmente al Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, la sospensione da parte di Mosca dell'accordo sul grano nel Mar Nero.

Lo ha riferito il primo vice rappresentante permanente della Russia all'Onu, Dmitry Polyanskiy.

"Dopo il tentativo di attacco con droni ucraini contro navi militari russe, per garantire il funzionamento sicuro dell'accordo sul grano, la Russia sospende la partecipazione all'accordo. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite sarà a breve ufficialmente informato", ha scritto Polyanskiy su Twitter,

Ribatte il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

"La Russia ha iniziato deliberatamente ad aggravare la crisi alimentare quando ha bloccato il movimento delle navi con il nostro cibo. <br>Questa è un'intenzione assolutamente evidente da parte della Russia di minacciare una carestia su larga scala, soprattutto in Africa e Asia".
Volodymyr Zelensky
44 anni, Presidente dell'Ucraina dal 2019

Borrell: "La Russia deve tornare nell'accordo"

Il capo della diplomazia dell'Unione europea, lo spagnolo Josep Borrell, ha invitato la Russia a revocare il suo ritiro unilaterale dall'accordo, mediato dall'Onu, che ha consentito finora l'esportazione di 9 milioni di tonnellate di grano ucraino attraverso il Mar Nero. 

Biden: "Decisione scandalosa"

Sulla sospensione dell'accordo per il grano è intervenuto anche il presidente americano, Joe Biden

"Questa decisione è scandalosa. Aumenterà la fame. Non c'è motivo per sospendere l'accordo.<br>L'Onu ha negoziato questo accordo e questa sospensione potrebbe decretarne la fine".
Joe Biden
79 anni, Presidente degli Stati Uniti dal 2021

Kuleba: "Un falso pretesto"

Scrive Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri ucraino: "Con un falso pretesto, per esplosioni avvenute a 220 km dal corridoio del grano, la Russia blocca due milioni di tonnellate di grano su 176 navi già in mare, sufficienti per sfamare oltre 7 milioni di persone".

Ci prova di nuovo Erdoğan

L'accordo tra Russia e Ucraina era stato firmato lo scorso 22 luglio a Istanbul. 

E ora sono in corso intensi colloqui telefonici proprio tra Mosca e Ankara, "a tutti i livelli", forse proprio tra Putin e Erdoğan, fa sapere l'agenza russa Ria Novosti, per tentare di risolvere la delicata questione.

Euronews racconta

_22 luglio 2022: a Istanbul viene firmato l'accordo sul grano.
_