Iran, donne nel mirino: Asra uccisa perchè non cantava l'inno e Ilmaz arrestata perchè senza velo

La campionessa iraniana di arrampicata, Elnaz Rekabi. Senza velo.
La campionessa iraniana di arrampicata, Elnaz Rekabi. Senza velo. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Cristiano TassinariEuronews - Agenzie Internazionali
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nonostante cinque settimane di proteste popolari in tutto l'Iran, la Repubblica Islamica non cede di un millimetro. E la "polizia morale" intensifica l'attività contro le donne: Asra Panahi pestata a morte a 16 anni perchè non cantava l'inno e Ilmaz Rekabi arrestata perchè faceva sport senza velo

PUBBLICITÀ

Donne sempre più bersaglio della polizia "morale" iraniana.

La climber iraniana Elnaz Rekabi è tornata a Teheran, mercoledì, dopo aver gareggiato in una gara di arrampicata ai Campionati asiatici in Corea del Sud senza indossare il velo, obbligatorio per le atlete della Repubblica islamica iraniana.

Di Elnaz Rekabi, 33 anni, però - ora - si sono perse le tracce.
Un suo messaggio su Instagram - in cui spiegava la casualità del fatto - lascia molti dubbi sul fatto che l'abbia scritto proprio lei (ora non è più visibile, come se fosse stato cancellato).
L'atleta sarebbe stata arrestata al rientro in patria e già trasferita nel famigerato carcere di Evin, quello riservato ai prigionieri politici.

Il tentativo di minimizzare il clamore attorno al suo gesto

All'arrivo a Teheran, del resto, Elnaz Rekabi aveva cercato di minimizzare il suo gesto: 
"Sono stata chiamata a sorpresa e ho dovuto gareggiare. Ero impegnata a indossare le scarpe e l'attrezzatura tecnica e questo mi ha fatto dimenticare di indossare l'hijab. Poi sono andata a gareggiare".

IRNA/AP
Elnaz Rekabi intervistata all'aeroporto. (Teheran, 19.10.2022)IRNA/AP

Il gesto, forse involontario, di Elnaz Rekabi di non indossare l'hijab durante la gara di domenica scorsa è avvenuto al culmine delle proteste, giunte ormai alla quinta settimana, scatenate in tutto l'Iran dalla morte di Mahsa Amini, la ragazza curda di 22 anni arrestata per non aver indossato correttamente il velo (spuntava una ciocca di capelli dall'hijab) e poi morta, tre giorni dopo, in seguito al pestaggio subito in carcere da parte della polizia. 

La tragedia di Asra Panahi

Dall'Iran è giunta anche la notizia - fatta trapelare su Telegram dal coordinamento degli insegnanti iraniani - della morte di una ragazza di 16 anni, Asra Panahi, in seguito ad un pestaggio subito ad Ardabil dalla polizia "morale" per non aver cantato - insieme ad altre ragazze di un liceo femminile - un inno dedicato alla Guida Suprema dell'Iran, Alì Khamenei.
La ragazza aveva urlato: "Donna, vita, libertà!"

Nonostante le proteste in tutto l'Iran e l'indignazione di tutto il mondo, la Repubblica Islamica non cede di un millimetro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iran, le fiamme alla prigione e le manifestazioni antigovernative

L'Europa non ignora la morte di Amini. Proteste a Parigi e Stoccolma

Iran in fiamme, proteste, arresti e morti. Raisi: "L'Occidente gonfia quanto accaduto"