L'Ucraina attende i nuovi sistemi antiaerei dall'Occidente, Lukashenko fa la vittima

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky Diritti d'autore AP/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Kyiv riceverà nuovi missili nelle prossime settimane che l'aiuteranno nel rafforzamento dello scudo antiaereo richiesto da Zelensky. Un nuovo fronte potrebbe aprirsi a Nord

PUBBLICITÀ

"Nessun cittadino e nessun territorio sarà lasciato al nemico". A dirlo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha invitato l'esercito del Paese a non perdere di vista la determinazione con cui è entrato in guerra quasi otto mesi fa. "La Russia ha ancora molti uomini per attaccare, terrorizzare le nostre città e tutti gli europei e ricattare il mondo, ma non hanno scampo perché l'Ucraina sta avanzando", ha commentato il capo dello Stato nel consueto videomessaggio serale.

Le parole di Zelensky arrivano dopo l'annuncio di Stati Uniti, Germania e Regno Unito sulla fornitura di nuovi sistemi antiaerei che serviranno per neutralizzare gli attacchi con cui la retroguardia di Mosca vendica le sue perdite sul terreno, mentre l'esercito continua la sua ritirata e il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che la mobilitazione parziale annunciata poche settimane fa sarà presto conclusa.

Le autorità ucraine hanno sollecitato la Croce Rossa a realizzare una missione in un campo di prigionia di Olenivka, nell'oblast di Donetsk. Le squadre dell'organizzazione internazionale da tempo vedono negarsi l'accesso dalle autorità russe.

Minaccia bielorussa

E il presidente bielorusso Aljaksandr Lukashenko ha affermato che l'Occidente e l'Ucraina "minacciano" il territoritorio nazionale chiedendo aiuto a Mosca. Intanto procede il posizionamento delle truppe russe a confine tra Bielorussia e Ucraina . Kyiv da parte sua continua ad addestrare le sue forze in caso di aggressione.

In un'intervista alla Nbc Lukashenko ha accusato anche la Polonia di istigare gli Stati Uniti a utilizzare l'arma atomica nel conflitto in Ucraina. "Le armi nucleari devono restare nei depositi perché, una volta che vengono spostate in Paesi come ad esempio la Polonia, verrà innescata una reazione a catena: questo è il motivo per cui non dovete ricorrervi e dovete sedervi al tavolo dei negoziati", ha continuato il presidente. 

L'attacco con droni kamikaze

Il segretario del consiglio comunale di Zaporozhzhia Anatoly Kurtev ha affermato che i russi hanno attaccato in serata la città con droni kamikaze, provocando danni alle infrastrutture. Cinque altri droni kamikaze sono stati abbattuti nella regione di Dnipropetrovsk, ha detto il capo dell'amministrazione militare regionale di Dnipropetrovsk Valentyn Reznichenko.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La regione di Kiev ancora nel mirino: distrutti i droni kamikaze. Attacco a Belgorod, in Russia

"The Cube": un finto servizio di Euronews sugli ucraini in Germania, condiviso dai canali russi

Il Destino della Wagner, Prigozhin lascia la Bielorussia