"Un hub turco per il gas russo". Erdogan e Putin a colloquio ad Astana

frame
frame Diritti d'autore frame
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Possibile la creazione di una nuova rete di gasdotti verso la Turchia

PUBBLICITÀ

Sebbene il suo paese sia parte della Nato, il presidente turco Erdogan si conferma interlocutore affidabile del suo omologo russo Vladimir Putin. Ad Astana, capitale del Kazhakstan, i due si sono visti faccia a faccia per un'ora e mezza, e hanno discusso tra l'altro di questioni energetiche.

"Se la Turchia e i nostri possibili acquirenti in altri Paesi sono interessati, potremmo prendere in consid erazione la costruzione di un altro sistema di gasdotti e la creazione di un hub del gas in Turchia per la vendita a Paesi terzi, in particolare, naturalmente, a quelli europei, se sono interessati", ha detto Putin.

Erdogan ha difeso le continue relazioni commerciali della Turchia con la Russia, affermando che esse hanno aiutato a raggiungere l'intesa che ha consentito all'Ucraina di esportare il suo grano: "Mentre alcuni ambienti si sentiranno disturbati dai passi compiuti da Russia e Turchia, i paesi in via di sviluppo saranno felici".

In concreto, Mosca e Ankara prevedono di creare in Turchia unsistema di consegna e stoccaggio del gas russo che eventualmente potrà essere rivenduto anche in Europa. Il faccia a faccia tra i due presidenti si è svolto a margine di un vertice tra i paesi della regione in corso ad Astana, e arriva all'indomani del voto con cui l'ONU ha condannato la Russia per l'annessione dei territori ucraini; un voto che ha ulteriormente isolato Mosca sullo scenario internazionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Azerbaigian-Turchia sempre più amici: dall'altra parte, Armenia e Iran

Guerra in Ucraina, vicino a Bakhmut campi minati e barriere anticarro per frenare l'avanzata russa

Ungheria: il poster di Navalny sul monumento ai soldati sovietici a Budapest