EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Rider morto,tanti colleghi a sciopero Firenze'Basta cottimo'

Presidio in centro, aderiscono fattorini di tutte le piattaforme
Presidio in centro, aderiscono fattorini di tutte le piattaforme
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FIRENZE, 05 OTT - "Basta col cottimo, basta col morire per una consegna": anche con questo slogan si sono fermati oggi tanti rider a Firenze per lo sciopero indetto dalla Cgil per protesta per la morte di uno di loro, Sebastian Galassi, 26 anni, travolto a un incrocio stradale nell'impatto con un'auto mentre andava a far una consegna. Lavoratori, sindacalisti, politici, esponenti delle istituzioni, cittadini, tanta gente e tanti rider al presidio indetto da Cgil e le sue categorie Filcams, Filt e Nidil, nella centrale piazza Sant'Ambrogio. Molti rider delle società aderenti ad Assodelivery (Glovo, Deliveroo, Uber) ma anche quelli inquadrati come dipendenti nel comparto logistica (Just Eat e Runner Pizza), hanno spento i motorini e fermato le biciclette con i colleghi. Per tutti, l'esigenza di richiamare l'attenzione alla salute e sicurezza in un settore molto esposto ai rischi. In occasione della manifestazione di oggi a Firenze, sono partite iniziative di protesta e sensibilizzazione anche in altre città come Milano, Torino, Perugia, Roma. Il presidio di Firenze si è svolto in modo ordinato, unico momento di agitazione c'è stato quando una mezza dozzina di antagonisti hanno brevemente contestato prima il presidente della Toscana Eugenio Giani e poi il sindacato sulle politiche del lavoro. L'episodio è rientrato nel giro di minuti. Poi la piazza ha applaudito i fattorini che nella piazza hanno esposto striscioni e scritte tipo "La mia vita vale più di un panino". "C'era bisogno di un momento di lutto e cordoglio, quanto successo è inaccettabile - ha detto la Cgil con le sue categorie Filcams, Filt e Nidil -: Ringraziamo i tanti rider che hanno scioperato rischiando in proprio. Da Firenze il messaggio che parte oggi è forte: basta cottimo, basta morire per una consegna. Non si può andare avanti così". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Razionamento dell'acqua in Romania per migliaia di persone a causa della siccità

Francia, comprare sesso resta un reato: lo decide la Corte europea dei diritti dell'uomo

Nato: governo italiano contro nomina di uno spagnolo a rappresentante speciale per il Mediterraneo