EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Iran: da Comune Rovigo raccolta ciocche di capelli per protesta

Saranno mandate al Consolato
Saranno mandate al Consolato
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROVIGO, 03 OTT - Il Comune di Rovigo ha avviato una raccolta di ciocche di capelli dei cittadini e delle cittadine che vorranno farne dono come forma di protesta pacifica contro le repressioni messe in atto dal regime di Teheran. Un gesto simbolico ma fortissimo - fa sapere l'amministrazione - per esprimere solidarietà a chi rischia la vita per difendere la propria libertà, come è successo a Mahsa Amini, 22 anni, uccisa perché portava male il velo, e Hadis Najafi, 20 anni, assassinata mentre protestava contro la morte di Mahsa. Chiunque voglia aderire può lasciare una ciocca dei propri capelli, legata con un cordino o un elastico, nella scatola depositata all'ingresso del Comune. La scatola verrà poi consegnata al consolato iraniano. L'iniziativa nasce su proposta della consigliera Valentina Noce, che nel consiglio comunale del 29 settembre si è tagliata una ciocca di capelli invitando a seguire l'esempio della Triennale di Milano, che in queste ore sta raccogliendo le ciocche da consegnare al Consolato Generale della Repubblica Islamica dell'Iran. L'idea è stata condivisa da tutte le consigliere e le assessore che si sono unite nel gesto di tagliarsi una ciocca di capelli come segno simbolico di sostegno alla battaglia delle donne che in tutto l'Iran stanno manifestando in piazza a rischio della vita. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Calcio, il francese Kylian Mbappé mette in guardia dagli estremismi prima delle elezioni

Festa per l'Eid al-Adha: migliaia di pellegrini musulmani celebrano i riti finali dell'Hajj

Riportate tutti a casa: Migliaia di persone a Tel Aviv chiedono il rilascio degli ostaggi di Hamas