EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Nuovo gasdotto dalla Norvegia alla Polonia

frame
frame Diritti d'autore Stringer/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Stringer/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Inaugurata con un mese d'anticipo sui tempi previsti, l'infrastruttura aiuterà Varsavia a rendersi indipendente dal gas della Russia

PUBBLICITÀ

È stato inaugurato in anticipo sui tempi previsti il nuovo segmento del gasdotto in cui transitano le forniture della Norvegia verso la Polonia. Grazie ai lavori nella parte danese, effettuati più rapidamente, l'infrastruttura una volta a regime, a novembre, aiuterà Varsavia a rendersi indipendente dal gas russo.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, ha detto che con il nuovo gasdotto apre "una nuova era di sovranità energetica e di maggiore sicurezza, nel senso più ampio del termine". Un concetto sottolineato anche dalla responsabile della Direzione generale per l'Energia, Jorgensen, che ha ricordato come la guerra russa in Ucraina abbia reso incerte le forniture di gas da Mosca, usate, secondo Bruxelles, per "destabilizzare le economie europee". "Il messaggio che stiamo inviando afferma che la Russia non avrà successo".

Varsavia già nel 2019 aveva disdetto il contratto con Gazprom, ma è con le sanzioni contro Mosca seguite alla guerra in Ucraina che il gigante energetico russo ha completamente chiuso i rubinetti. Fino all'anno scorso le forniture russe rappresentavano ancora quasi la metà del consumo polacco. Il nuovo gasdotto appena inaugurato fornirà 2,4 miliardi di metri cubi all'anno, circa il 15 per cento del consumo nazionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La cortina di ferro anche con Kaliningrad

Elezioni europee: Tusk invita i polacchi a votare, "Ue unico modo per evitare la guerra"

Polonia: il progetto di coalizione conservatrice Ppe-Ecr sulla strada del fallimento