EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Israele: nessuna indagine penale per la giornalista uccisa

Image
Image Diritti d'autore AFP/AHMAD GHARABLI
Diritti d'autore AFP/AHMAD GHARABLI
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La magistratura israeliana non ha intenzione di perseguire gli autori della morte della reporter palestino-statunitense Shireen Abu Akleh

PUBBLICITÀ

Israele non aprirà un'indagine penale sulla morte della giornalista americano-palestinese Shireen Abu Akleh lo scorso 11 maggio. Dopo aver concluso una prima indagine, l'esercito israeliano ha ammesso che è stato "probabilmente" uno dei suoi soldati a spararle "per errore" mentre la giornalista stava seguendo un raid di Tsahal nel campo profughi di Jenin. Tuttavia, l'esercito israeliano ritiene che le sue truppe abbiano agito correttamente mentre erano sotto il fuoco dai miliziani palestinesi.

La morte di Shireen, giornalista palestinese-americana molto apprezzata in Medio Oriente, ha suscitato un'esplosione di rabbia ed ha aggravato il divampare della violenza tra israeliani e palestinesi. L'Autorità nazionale palestinese ha condotto la propria indagine e ha concluso che i soldati israeliani hanno sparato deliberatamente alla giornalista. I testimoni hanno affermato che non c'erano spari o gruppi armati nell'area. Secondo i media israeliani, il rapporto dell'esercito israeliano è venuto alla luce solo dopo le pressioni degli Stati Uniti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: razzi di Hamas contro Israele, sirene a Tel Aviv

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera

Netanyahu: annuncio del mandato di arresto della Corte penale internazionale "nuovo antisemitismo"