This content is not available in your region

"Un terzo del Pakistan sott'acqua".ONU, appello per la raccolta di 160 mln di dollari

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
frame
frame   -   Diritti d'autore  AP Photo/Zahid Hussain

Il Pakistan ha bisogno di oltre 10 miliardi di dollari per riparare e ricostruire le infrastrutture danneggiate dalle piogge monsoniche che hanno provocato più di 1.100 morti e danneggiato oltre un milione di case: lo ha detto il ministro della Pianificazione, Ahsan Iqbal.

Visitando le zone colpite il premier pakistano Shebahz Sharif aveva definito le inondazioni di questi giorni "le più gravi da almeno 30 anni". Secondo la ministra per il Cambiamento climatico "un terzo del paese è sott'acqua".

Le Nazioni Unite hanno lanciato un appello per raccogliere al più presto almeno 160 milioni di dollari in aiuti urgenti. "La catastrofe climatica ha ucciso più di 1.000 persone e molte altre sono rimaste ferite. Milioni di persone sono senza casa, scuole e strutture sanitarie sono state distrutte, le infrastrutture critiche spazzate via come spazzate via sono state anche le speranze e i sogni delle persone", ha detto Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite.

In questa situazione il governo pakistano si trova in gravi difficoltà. Le piogge hanno distrutto o danneggiato gravemente interi villaggi e devastato migliaia di ettari destinati a produzioni agricole. Secondo alcune stime le inondazioni hanno colpito in maniera diretta 33 milioni di pakistani, più del 10 per cento della popolazione totale.